Cantone
Nasce in Ticino un nuovo istituto di medicina legale
Redazione
5 mesi fa
Dal primo gennaio 2024 iniziano le attività del nuovo istituto cantonale con sede a Bellinzona, che darà man forte alla giustizia, occupandosi di autopsie, sopralluoghi e tanto altro. Frida Andreotti: "Potremo dar seguito al mandato conferitoci dalla SEM".

Con il nuovo anno arriva una novità importante per la giustizia ticinese: dal primo gennaio iniziano infatti le attività di un nuovo istituto cantonale di medicina legale, che potrà assistere con rapidità e puntualità le autorità giudiziarie. Si tratta di un ulteriore passo avanti dopo la nascita dell’Ufficio delle scienze forensi l’anno scorso, spiega la Direttrice della Divisione della giustizia del Cantone Frida Andreotti. “L'istituto cantonale di medicina legale riprende le attività dell'Ufficio delle scienze forensi, come attività in ambito di medicina legale in favore della giustizia, dell'autorità giudiziaria, del Ministero pubblico in particolare. Si parla di prestazioni medico legali, come autopsie o visite su eventi in caso di lesioni nell'ottica degli accertamenti necessari per l'autorità giudiziaria”.

Come funzionava finora

In precedenza, il Cantone attribuiva a dei medici dei mandati, mentre ora si potrà coprire il lavoro richiesto dalla magistratura in modo rapido e puntuale con del personale sul posto. Un lavoro importante perché, stando ai dati resi noti nel 2021, sono circa 100 le autopsie che vengono effettuate all’anno. “L’obiettivo è quello di poter garantire alla giustizia prestazioni medico legali 24 ore su 24, 365 giorni all'anno. Fino a tempo fa le attività erano svolte in collaborazione con dei medici legali secondo degli standard italiani. Da un anno a questa parte lavoriamo secondo standard svizzeri. Questo istituto può garantire tutto questo grazie alla presenza di medici specializzati: al momento sono tre, ma ne arriverà un quarto. Questo ci permetterà di dar seguito al mandato conferitoci dalla Segreteria di stato della migrazione (SEM)”.

Il mandato della SEM

L’istituto, che sarà diretto dalla Dottoressa Rosa Maria Martinez e che si troverà nello stabile dell’ex Archivio Cantonale a Bellinzona, ha infatti già ricevuto un mandato dalla SEM. "La presenza di un centro richiedenti l'asilo in Ticino, che ospita anche minori, impone per legge che venga definita l'età delle persone. Finora era il centro universitario medicina legale di Losanna che svolgeva il mandato per la Confederazione. Con la nascita dell'istituto possiamo assumere direttamente nel Canton Ticino queste attività, in collaborazione con vari attori del territorio, come l'Ente ospedaliero cantonale e il servizio medico ambulanza del Mendrisiotto”.