"Le menzogne di Robbiani e la mia verità"
Il candidato PS Ruben Notari replica al deputato leghista: "Grazie per la pubblicità elettorale"
Redazione
"Le menzogne di Robbiani e la mia verità"
"Le menzogne di Robbiani e la mia verità"

Non si è fatta attendere la replica del candidato PS Ruben Notari alle accuse rivoltegli ieri dal deputato leghista Massimiliano Robbiani, ovvero di "andare in vacanza con i soldi dell'assistenza" (vedi articolo suggerito).

"L'articolo e l’attacco di ieri di Massimiliano Robbiani nei miei confronti mi obbligano a una risposta - si legge nella presa di posizione del candidato socialista - Mi spiace molto vedere la Lega farsi serva dei potenti. Sollevo una legittima questione su Filippo Lombardi e mi attaccano due leghisti. Spero che questo serva a molti elettori ad aprire gli occhi su cosa sia diventato oramai il movimento di via Monte Boglia".

Notari ha innanzitutto ribadito di "non essere in assistenza, come affermato falsamente da Robbiani". "Sono in Assicurazione Invalidità. E questo cambia già tutto il piano giuridico rispetto alle sue insinuazioni diffamatorie, che ovviamente rimando al mittente. Sono in AI poiché anni fa ho avuto un burn-out. La professione di insegnante mi appassionava molto e c'era tantissimo da innovare. Sono entrato in una spirale di superlavoro che mi ha portato a perdere il sonno con le conseguenze che ciò comporta. Un mio collega, in merito, mi ha detto che avevo fatto più io per la scuola in tre anni, che lui in dieci. Sarebbe forse stato meglio farlo in cinque ed evitare periodi difficili".

"Dai brutti momenti però ho imparato tantissimo, sono cresciuto molto e ho trovato quell'autostima che mi permette oggi di dire pane al pane e vino al vino. Sto bene oramai da tre anni e da ottobre a dicembre 2018 sono stato effettivamente in Messico. Mi ero innamorato di una donna messicana e ho provato la convivenza con lei, visto che non lavoravo. Nel 2016-2017 ho lavorato come supplente iniziando la mia reintegrazione professionale. Poi il DECS mi ha proposto un progetto di reinserimento professionale, che però è stato bloccato dal Servizio medico del personale del Cantone. Questo mi ritiene inabile a fare il docente a causa di una perizia fattami quando stavo male. Eppure, ho insistito e insisto affinché il Servizio medico valuti una perizia aggiornata proposta dall’AI".

"Sono ben consapevole di essere pagato dai contribuenti - prosegue Notari - Per questo ho ricambiato creando il portale "matematica.ch" in cui offro gratuitamente tutti i materiali didattici per la matematica delle scuole medie. E molto altro: andate a vedere e capirete chi sono. A differenza dei miei compagni di studi, che oggi hanno paghe da re, ho scelto di fare il docente perché credo nella scuola e nel suo potenziale di miglioramento della nostra società. Per farlo ho rinunciato a un anno e mezzo di stipendio (master al DFA). E rispetto al mio precedente lavoro, come docente, guadagnavo il 20% in meno per uno stipendio che a me andava comunque benissimo. Per tenermi aggiornato sul mio mestiere faccio anche lezioni private e qualche corso. Volevo offrile gratis, ma la gente, giustamente, ti vuole pagare. E allora fatturo 20 franchi per un'ora e mezza di lezione. Sono registrato come indipendente e dichiaro fiscalmente i miei proventi, che sono veramente poca roba".

"Che aggiungere? Ringrazio Max Robbiani per la pubblicità elettorale che mi sta facendo. Mi auguro comprenda che sta sul fronte sbagliato e abbia non solo la capacità di capirlo ma anche l'umiltà di ammetterlo. Sul mio intervento a TeleTicino tornerò tra qualche giorno con un’opinione più articolata riguardo a quanto successo. Se qualcuno volesse più dettagli sul mio percorso di vita mi contatti pure, racconto volentieri: avverto che è una storia per la quale serve tempo. Il tempo che Max Robbiani non ha preso per informarsi ed evitare di attaccarmi scrivendo menzogne al mio riguardo", conclude Notari.

La contro-replica - Dal canto suo Robbiani ha ritenuto che, con questa presa di posizione, "Notari non ha fatto altro che confermare di starsene in giro per il mondo con i soldi dei contribuenti e di fare dumping salariale bei confronti dei suoi ex colleghi, anche quelli più giovani che cercano di arrotondare con lezioni private. E’ questo l’identikit dei personaggi che il PS cerca di portare in Gran Consiglio?”