La cannabis light torna sugli scaffali ticinesi
Denner ha messo in vendita i succedanei del tabacco a base di cannabis. Un primo effetto della modifica del regolamento cantonale
Redazione
La cannabis light torna sugli scaffali ticinesi
La cannabis light torna sugli scaffali ticinesi

Lo scorso anno Coop aveva messo in vendita le sigarette alla canapa light, salvo poi vederle ritirate in Ticino per il mancato rispetto della legge cantonale. Recentemente il Consiglio di Stato ha però modificato il regolamento sulla coltivazione della canapa e sulla vendita al dettaglio dei suoi prodotti, escludendo dalle limitazioni i preparati che sottostanno alla Legge federale sulle derrate alimentari.

Tra questi vi sono anche i succedanei del tabacco. Se rispettano l’Ordinanza federale in materia, anche i sacchetti di cannabis sono quindi vendibili ovunque. Basta che siano pagati i dazi e che si riportino le avvertenze sui pericoli del fumo per riportare la cannabis nei negozi, senza ulteriori limitazioni.

Per qualche tempo la situazione è rimasta sul chi va là. Fino allo scorso 12 gennaio, quando Denner, sottoposta la richiesta alle autorità, ha ricevuto chiarezza: i prodotti possono finire sugli scaffali.

La polizia cantonale lo ha confermato ai colleghi di TeleTicino e spiega: «I prodotti messi in vendita da Denner, a differenza di altri prodotti messi in vendita negli scorsi mesi da altre ditte ticinesi, sono conformi alla legislazione federale sulle derrate alimentari e sono stati (preventivamente) notificati all’Ufficio federale della sanità pubblica».

Adesso che la catena di discount ha sfondato il portone, è immaginabile che anche altri produttori e distributori si adeguino. Con loro anche edicole e tabaccai, che non dovranno più sottostare alle limitazioni.

Maggiori dettagli nel servizio di TeleTicino