Ior e Irb si uniscono in Bios+
I due centri di ricerca, che resteranno autonomi, rafforzano la loro collaborazione con una nuova associazione, anche in previsione del prossimo trasferimento nella nuova sede di via Chiesa
di daco
Ior e Irb si uniscono in Bios+
Immagine © CdT/Gabriele Putzu

Inquilini in una nuova casa e sempre più vicini anche sul lavoro: in previsione del loro trasferimento nella sede di Via Chiesa, l’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb) e l’Istituto oncologico di ricerca (Ior) di Bellinzona uniscono le forze fondando Bios+, l’associazione “Bellinzona Institutes of Science”. L’obiettivo è coordinare le attività di ricerca e l’organizzazione dei due centri di ricerca, in vista dello sviluppo, nella Svizzera italiana, di un Centro di ricerca nazionale ed internazionale sulle scienze della vita.

Collaborazione fra Ior e Irb
Bios+ è un’associazione senza scopo di lucro presieduta dall’ex consigliere di Stato Gabriele Gendotti e da Franco Cavalli (vicepresidente). La nuova entità, composta da Irb e Ior, è stata presentata questa mattina alla stampa. “Si tratta di un progetto ambizioso che vuole consolidare e ottimizzare la collaborazione fra due istituti di ricerca scientifica che in questi anni hanno saputo ritagliarsi degli spazi importanti nel mondo scientifico nazionale e internazionale”, dichiara Gabriele Gendotti al microfono di Ticinonews.
Concretamente, l’impegno di Bios+ si traduce nell’utilizzo comune di apparecchiature da parte di Ior e Irb, come della realizzazione di progetti comuni per rafforzare ulteriormente l’importanza e la reputazione della ricerca svizzero-italiana. In ogni caso, i due Istituti manterranno “la loro autonomia scientifica e finanziaria”, assicura Gendotti.

Loading the player...
  • 1