Frate in carcere per reati sessuali
Arrestato a fine febbraio l’uomo, appartenente all’ordine dei Frati minori cappuccini, è sospettato di aver molestato una donna disabile
Redazione
Frate in carcere per reati sessuali
Frate in carcere per reati sessuali

È da fine febbraio che un religioso attivo nel Sopraceneri è dietro le sbarre per reati legati alla sfera sessuale. L’uomo appartenente all’ordine dei frati minori cappuccini proviene da una congregazione del continente asiatico ed è in Ticino da alcuni anni.

Dalle informazioni finora raccolte da TeleTicino, uno solo sarebbe l’episodio incriminato e una sola la vittima, una donna portatrice di handicap, che non avrebbe subito né violenza né rapporti sessuali, è quindi ipotizzabile che si rimanga nell’ambito delle molestie. L’uomo rispondendo alle domande della magistratura ha sostanzialmente ammesso i fatti. Il frate è tutelato dall’avvocato Stefano Pizzola, mentre l’inchiesta è condotta dalla procuratrice pubblica Valentina Tuoni. Vista la delicatezza della situazione il ministero pubblico non rilascia alcuna informazione.

Diverso il discorso per l’ordine di appartenenza del religioso, che ha spiegato a TeleTicino come presto prenderà posizione con un comunicato stampa, verosimilmente congiunto con la Curia. Le autorità ticinesi, infatti, dopo l’arresto hanno subito informato la diocesi di Lugano, nonostante questa non abbia una responsabilità diretta sul monaco, che non praticava attività pastorali, rispondendo quindi solo al suo ordine di appartenenza, quindi alla Provincia lombarda dei frati cappuccini.

Tutti i dettagli nell'edizione odierna del TG di TeleTicino