Finzi Pasca di nuovo in scena al LAC
Il nuovo spettacolo “Nuda” della compagnia ticinese debutterà il prossimo 27 ottobre e le prevendite sono quasi tutte esaurite. Finzi Pasca: “Bello sapere che qui a casa siamo così seguiti, è una gioia tornare a teatro”
di Teleticino/Lars
Finzi Pasca di nuovo in scena al LAC
Finzi Pasca di nuovo in scena al LAC

Debutta il prossimo 27 ottobre al LAC il nuovo spettacolo della compagnia Finzi Pasca. Uno spettacolo che ha subito rallentamenti a causa della pandemia, ma che oggi è pronto per andare in scena. E le premesse sono buone: è stata aggiunta una data, mercoledì 3 novembre, perché tutte le altre sono già sold out. “Bello sapere che qui a casa siamo così seguiti ed è una gioia tornare a teatro in presenza, avere i visi davanti degli spettatori e poter respirare insieme a loro. È una meraviglia, una felicità. Speriamo continui così”, commenta Daniele Finzi Pasca a Ticinonews.

La nuova opera
“Nuda” è il titolo del nuovo spettacolo, che trae spunto dal romanzo pubblicato nel 2014 dal regista ticinese. È la storia di due gemelle, cresciute insieme in una famiglia “eccentrica”, che a volte si calpestano, per poi riscoprirsi in un abbraccio pieno di gioia e libertà ritrovate. Sulla scena ci saranno giochi acrobatici e un sistema di volo innovativo che, insieme a un’installazione di luci interattiva, si intreccerà alla narrazione, dando vita a uno spettacolo magico e surreale. “Ci piacciono le macchine sceniche”, spiega Finzi Pasca. “Anche in questo caso voleranno un sacco di cose, c’è un equipe di tecnici dietro le quinte che con minuzia creano e sostengono giochi che sono una via di mezzo tra acrobazia e illusione scenica”.

Finzi Pasca di nuovo in scena al LAC

Si riparte in presenza
La nuova opera riparte con un’esibizione davanti al pubblico in sala, dopo la fortunata parentesi di “Luna Park”, uno spettacolo-installazione della durata di 20 minuti, che l’anno scorso era riuscito ad attirare 8000 spettatori in dieci giorni dietro le quinte attraverso un percorso stabilito. “È un bel momento”, commenta il presidente del LAC Roberto Badaracco. “Dopo Luna Park, che era uno spettacolo adattato alla pandemia, finalmente si torna in teatro al 100% e il nuovo spettacolo sta andando benissimo, con le prevendite che sono quasi tutte esaurite. Un segno che la compagnia sta a cuore ai ticinesi”.

L’accordo di residenza
La città ha anche rinnovato recentemente l’accordo di residenza con la compagnia, un segnale importante in un momento delicato per il settore. “La città ha sempre sostenuto la compagnia, crede in Daniele, che porta le storie di Lugano in tutto il mondo”, prosegue Badaracco. “L’accordo di residenza permette alla compagnia di usufruire del Lac durante tutta l’estate. Il sogno del futuro è di avere una casa del teatro per la compagnia e per chi opera nel teatro a livello cantonale”.

Un team ridotto
La pandemia ha messo in difficoltà l’intero settore e la compagnia Finzi Pasca non è stata risparmiata, ritrovandosi suo malgrado ridotta nell’organico, ma non nello spirito. “Siamo un terzo di quello che eravamo, ma siamo felici di riuscire a fare spettacolo”, spiega la co-fondatrice Maria Bonzanigo. “Ci sono stati momenti in cui ci siamo detti che dobbiamo chiudere questa avventura che dura da 40 anni. Siamo riusciti a riscrivere lo spettacolo “Nuda” che era pensato per 14 interpreti. Ora sono 5, ma siamo felici del risultato e speriamo che nei prossimi mesi si riprendano anche gli spettacoli da repertorio con tutta la compagnia”. A fargli eco anche Finzi Pasca. “L’obiettivo è ricostituire la famiglia il più velocemente possibile. È stato faticoso e doloroso non vedere delle persone con cui eri abituato a lavorare”.

Loading the player...
  • 1