Calcio
FC Chiasso, sparita la nuova proprietà. “Senza soldi falliamo”
11 giorni fa
Il gruppo americano neoproprietario dei rossoblù non avrebbe ancora versato i soldi alla società. Bignotti, direttore generale del FC Chiasso: “Non c’è molto tempo, dicono che i ritardi sono dovuti a problemi interbancari”.

“Siamo fermi al passaggio delle azioni, da lì non abbiamo più avuto notizie e i soldi non sono mai stati versati”. Ad affermarlo a Ticinonews sport è Nicola Bignotti, direttore generale dell’ FC Chiasso. Lo scorso 4 gennaio è arrivato l’accordo con l'American Sport Asset Company Limited per l'acquisizione della quota di maggioranza del club, con la promessa che "riporteremo i rossoblu in alto", aveva dichiarato la nuova proprietà. Parole a cui per ora non sono seguiti i fatti. “Ad oggi non sono state ottemperate le richieste fatte dal Commissario per quanto concerne le garanzie finanziarie”, ha spiegato Bignotti. “Continuano a sostenere la bontà del loro progetto e la loro buona fede, ma allo stesso tempo adducono alla problematica dello spostamento del denaro per motivare il mancato versamento”.

Fallimento dietro l’angolo

Se non arrivano i soldi la società rossoblu rischia il fallimento. “Non so dire quanto tempo ci resta, ma ci sono delle leggi che verranno applicate dal Commissario e dal pretore. Sicuramente non me mancano molti e se il denaro non arriverà la situazione finale sarà una: la società fallirà”, ha spiegato Bignotti.

Soluzioni in extremis? “Non sta a noi cercarle”

Visto che i soldi della nuova proprietà non si sono ancora visti, a Chiasso si cercano altre soluzioni? “Il nuovo proprietario del club è il gruppo americano, quindi starebbe a loro cercare delle soluzioni. Cosa che finora non è stata fatta. No, non ci stiamo muovendo su altre strade, aspettiamo e vediamo cosa faranno”.

“Non ci resta che sperare”

I tifosi, i giocatori e tutto l’ambiente ora non può che pazientare sperando che i soldi arrivino. “I nuovi proprietari sono venuti a Chiasso, hanno parlato con il sindaco, con il presidente dell’Associazione e si sono presentati alla stampa. A tutti sono sembrate persone con un progetto serio, con i piedi per terra. Speriamo che lo siano veramente e che i soldi arrivino”, ha affermato Bignotti. “È chiaro che quando iniziano ad esserci dei ritardi sorga qualche dubbio, ma possiamo solo sperare che le problematiche siano esclusivamente a livello bancario”, ha concluso il dirigente rossoblu.

I tag di questo articolo