Falso nipote “affetto da Covid” sottrae migliaia di franchi
Il colpo è stato messo a segno nel Luganese. La vittima ha ceduto, consegnando il denaro per permettere al falso parente di sottoporsi alle cure
di ls
Falso nipote “affetto da Covid” sottrae migliaia di franchi

Ha contattato la vittima per telefono, spacciandosi per un membro della famiglia, e ha raccontato di trovarsi nel reparto di cure intense di un ospedale della regione poiché affetto da Covid e con la scusa di dover sottoporsi alle necessarie cure ha chiesto un’ingente somma di denaro. È la nuova modalità riscontrata dalla polizia cantonale nell’ambito della truffa del falso nipote, messa a segno lo scorso 29 luglio nel Luganese. È così che la vittima, posta sotto pressione, si è recata nella sua banca, prelevando diverse migliaia di franchi, consegnando la somma ad un uomo che si è presentato come dipendente dell’ospedale.

Per evitare sgradite sorprese la Polizia cantonale invita la popolazione a prestare attenzione e a diffidare da questo tipo di telefonate. Non farsi mettere fretta nel prendere decisioni e valutare attentamente la situazione. Non bisogna poi farsi scrupoli a palesare dubbi sulla situazione con l’interlocutore e non si deve accettare che siano terze persone a ritirare il denaro. È importante infine avvisare tempestivamente la Polizia cantonale al 117.

I consigli per non incappare in questo genere di truffe:

• Siate sempre diffidenti quando ricevete chiamate con richieste di denaro.

• Non citate mai il nome dei vostri parenti al telefono. Specificate che in casi d’emergenza dovete dapprima consultarvi con qualcun altro e interrompete subito la conversazione telefonica. Poi contattate un parente che conoscete bene e di cui vi fidate e con lui/lei verificate le informazioni.

• Non consegnate mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti!

• Non date a nessuno informazioni sui vostri averi, né su quelli che tenete in casa né su quelli che avete in banca.

• Se una chiamata vi sembra sospetta, informate subito la polizia, telefonando al 117 (numero d’emergenza).

• Informate i vostri parenti e conoscenti dell’esistenza di questo tipo di truffa

  • 1