L’identikit del nuovo direttore Rsi
Pubblicato il bando di concorso per la sostituzione di Maurizio Canetta, ecco le caratteristiche che la Corsi sta cercando
di fsu
L’identikit del nuovo direttore Rsi
Foto CdT/Chiara Zocchetti

Formazione accademica completa. Italiano, francese, tedesco e inglese. Esperienza alla guida di una grande azienda, conoscenza del mondo dei media, della realtà sociale e culturale della Svizzera italiana. Resistenza allo stress, attitudine all’innovazione, conoscenza delle tematiche di genere, propensione all’ascolto, valorizzazione della diversità. Sono queste le caratteristiche del nuovo direttore o della nuova direttrice della Rsi che sta cercando la Corsi. Lo rivela lo stesso presidente della Corsi Luigi Pedrazzini in un’intervista pubblicata sul sito della cooperativa che sovrintende la tv pubblica in lingua italiana.

“Non sarà una scelta politica”

Rispondendo alle domande, Pedrazzini ha chiarito che si cercherà “senza pregiudizi” dentro e fuori la Rsi. Il concorso è stato pubblicato oggi e porterà a scegliere la persona che nel 2021 subentrerà a Canetta. “La scelta della direttrice o del direttore della Rsi non sarà una scelta politica”, sottolinea Pedrazzini. Con la Corsi, a scremare sarà anche il direttore della Ssr Gille Marchand e, alla fine, a firmare l’assunzione sarà il Consiglio di Amministrazione della Ssr.

Le tappe

Oltre al concorso, una società di consulenza su mandato della Corsi cercherà attivamente candidati “per ampliare il più possibile la rosa”, spiega Pedrazzini. Poi dopo il lavoro di selezione, sarà il comitato della Corsi a scegliere la candidatura da portare alla Ssr.

Fare bene con poco

Il nuovo direttore dovrà fare bene con poco. Sembra questo che intende quando spiega che il candidato ideale dovrà “prestare molta più attenzione alla mediazione fra risorse disponibili e ambizioni di programma”. Dovrà inoltre “dimostrare particolare resistenza alla crescente pressione mediatica e pubblica della funzione”.

  • 1