Ticino
Coronavirus - "Il picco è ancora lontano, non molliamo"
In AGGIORNAMENTO - Nuovo appello delle autorità cantonali. Merlani: "Si va verso la saturazione dei posti". Cocchi: "Ancora troppa gente in giro"
La Redazione
Coronavirus - "Il picco è ancora lontano, non molliamo"
Coronavirus - "Il picco è ancora lontano, non molliamo"

Nelle ultime 24 ore in Ticino vi sono stati altri 12 decessi a causa del Covid-19, lo rivelano i nuovi dati del DSS. I casi positivi confermati invece sono saliti a 2'195. Ieri il Medico cantonale Giorgio Merlani ha dichiarato al Tg di Teleticino: "Vedere la curva scendere è un'aspettativa illusoria, probabilmente lo vedremo fra 1-2 settimane. Quello che vediamo è l'andamento della curva. La crescita esponenziale dell'inizio dell'epidemia sta rallentando. Penso che possiamo cominciare a dire che c'è un effetto, anche se timido, delle misure sulla curva. Ma non è il momento adesso di lasciarci andare". Se il bilancio ticinese (aggiornato alle 8 di oggi, 1 aprile) è di 132 decessi e 2'195 contagiati, nelle strutture ospedaliere dedicate alla cura dei pazienti affetti dal virus sono attualmente ricoverate 396 persone: 320 in reparto e 76 in terapia intensiva, di cui 72 intubate. In Svizzera si contano attualmente 17'137 contagiati e 461 vittime (il dato è preso dal sito corona-data.ch che aggrega i dati ufficiali dei singoli cantoni e risulta più aggiornato rispetto ai comunicati dell’UFSP).

Raccomandazione del Consiglio federaleRestate a casa, soprattutto se siete malati o se avete più di 65 anni. Uscite soltanto se dovete andare al lavoro e non potete lavorare da casa, se dovete recarvi dal medico o in farmacia, se dovete fare la spesa o se dovete aiutare qualcuno (ndr. in Ticino il Consiglio di Stato ha fatto esplicito divieto a chi ha più di 65 anni di recarsi a fare la spesa). Il Consiglio federale e la Svizzera contano su di voi!

Hotline coronavirus del Cantone Ticino: 0800 144 144Hotline attività commerciali: 0840 117 112Hotline sul lavoro ridotto: 091 814 31 03

La mappa del contagio

I servizi solidali comune per comune.

21:16 - Superati i 900mila contagi nel mondoI contagi da coronavirus in tutto il mondo hanno superato anche la soglia dei 900'000. Lo rileva l'ultimo aggiornamento dell'istituto americano Johns Hopkins University, secondo cui i casi riscontrati sono oltre 911'000. Il numero dei morti è superiore ai 45mila.

20:15 - Oms, i morti raddoppiati in una settimana"Il numero di decessi è più che raddoppiato nell'ultima settimana. Nei prossimi giorni raggiungeremo 1 milione di casi confermati di Coronavirus e 50 mila decessi". Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Tedros Adhanom Ghebreyesus durante il briefing sul coronavirus. "Ho invitato i governi a mettere in atto misure di assistenza sociale per garantire alle persone vulnerabili cibo e altri elementi essenziali della vita durante questa crisi", ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, aggiungendo che "molti paesi in via di sviluppo faranno fatica ad attuare programmi di assistenza sociale di questa natura. Per questi paesi, la riduzione del debito è essenziale per consentire loro di prendersi cura della propria gente ed evitare il collasso economico".

19:58 - Dietrofront di Bolsonaro, ora il virus è una minacciaIl coronavirus non è più "un'influenzetta" che fa strage solo in Italia perché "è un Paese di vecchietti" bensì "la più grande sfida della nostra generazione". Le misure di isolamento sono ora "molto importanti" e non "una politica di terra bruciata": messo alle corde dalla reazione dell'opinione pubblica e delle istituzioni alle sue polemiche prese di posizione sulla pandemia, anche il presidente brasiliano Jair Bolsonaro è stato costretto ad un clamoroso dietrofront in un discorso tv trasmesso a reti unificate.

19:44 - Superati i 15 mila casi in TurchiaSalgono a 15'679 i casi di coronavirus in Turchia, dove nelle ultime 24 ore si registrano 2'148 contagi su 14'396 tamponi effettuati. Altre 63 persone sono decedute, portando il totale delle vittime registrate a 277. I pazienti in terapia intensiva sono attualmente 979. Le persone guarite salgono invece a 333. Lo ha annunciato il ministro della Salute turco Fahrettin Koca.

19:22 - Borsa svizzera: volume degli scambi in forte aumentoIn marzo, il volume degli scambi alla Borsa svizzera (SIX) è aumentato dell'80,9% rispetto al mese precedente, attestandosi a 293,0 miliardi di franchi. Il numero delle transazioni è salito del 127,7% a 17,4 milioni. Il forte incremento viene spiegato con la volatilità dei mercati azionari nel particolare contesto del coronavirus, che ha visto un calo senza precedenti delle borse mondiali, ha comunicato stasera SIX. Il 20 marzo è stata la giornata più attiva con scambi per un ammontare di 18,8 miliardi. In termini di volumi, il giorno più attivo è stato invece il 12 marzo con 1,3 milioni di transazioni.

19:22 - Cina, isolamento per 600mila nell'HenanTorna l'incubo coronavirus in Cina: la contea di Jia, nell'Henan confinante con l'Hubei (l'epicentro della pandemia), è stata sottoposta a isolamento, secondo quanto detto dalle autorità sanitarie locali sui social media cinesi. I residenti dell'area, 600mila, dovranno avere permessi speciali per uscire di casa e per andare al lavoro, sottoponendosi a controllo della temperatura corporea e indossando le maschere facciali. Il South China Morning Post, citando un funzionario locale dei trasporti, ha confermato le misure contro l'ipotesi di un'ondata di ritorno'.

19:19 - Lussemburgo, 29 morti e 2'319 contagi in totaleNelle ultime 24 ore in Lussemburgo sono morte sei persone a causa del coronavirus che porta ad un totale di 29 decessi. Secondo l'ultimo aggiornamento delle autorità sanitarie del Granducato i casi positivi confermati sono 2'319, considerato che nelle ultime ore si sono registrati 141 nuovi contagi.

19:17 - Ny verso i duemila morti, quasi 400 in 24 oreIl numero dei morti da coronavirus a New York sale a 1'941, di cui 391 nelle ultime 24 ore. I casi di contagio accertati sono 83'712, quasi la metà dei casi a livello nazionale. Lo ha reso noto il governatore Andrew Cuomo.

19:15 - Taiwan dona 10 mln mascherine, anche all'ItaliaMesso sotto controllo il Covid-19 sul fronte interno con 329 casi e 5 morti, "Taiwan può aiutare" con la sua esperienza e con segnali tangibili. "Doneremo il surplus di mascherine e altre forniture ai nostri alleati e ai Paesi più colpiti", ha detto la presidente Tsai Ing-wen, secondo i media locali. Saranno consegnate 10 milioni di mascherine, di cui 7 in Europa (Spagna, Italia e Regno Unito), 2 milioni negli Usa e il resto ai Paesi che hanno legami diplomatici con Taipei. La Cina vede l'isola come un suo territorio e si oppone al suo stato di membro dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

18:28 - Crescono i contagi in provincia di MilanoCrescono i numeri dell'emergenza coronavirus nella provincia di Milano dove i positivi sono 9'522, con un incremento di 611 nuovi casi, mentre ieri erano stati 235 e l'altro ieri 347. A Milano città i positivi sono 3'815, con una crescita di 159, mentre ieri erano stati 96. Sono i dati resi noti dall'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera. "Abbiamo ormai evidenza - ha detto Gallera - anche nella città di Milano, dove i dati sembrano essere in controtendenza, che c'è una diminuzione netta della pressione sui pronto soccorso e sui presidi ospedalieri". Crescono rispetto a ieri i dati anche a Bergamo (9'039 casi) con un aumento di 336, mentre ieri erano stati 139, e a Brescia (8'568 casi) con un aumento di 231, mentre ieri erano stati 154. Ancora nessun nuovo caso positivo a Codogno, dove si è sviluppato il primo focolaio di coronavirus in Italia.

18:25 - Hong Kong teme ondata di ritorno e vara nuove misureHong Kong teme un'ondata di ritorno dei contagi e vara una nuova stretta, mettendo al bando per 14 giorni anche le sale di karaoke, i club, i locali notturni e le sale di mahjong. I centri estetici e di massaggi dovranno invece seguire precauzioni, tra cui l'uso delle mascherine per i clienti e i controlli della temperatura corporea. Il governo, ha ricordato il network Rthk, aveva già disposto dal 28 marzo la chiusura per 14 giorni di luoghi pubblici come cinema e palestre

18:21 - In Lombardia pochi ricoveri, 394 morti"Il dato dei deceduti lombardi" si mantiene costante lo ha detto l'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera in diretta Facebook spiegando che oggi sono stati 394 i morti, mentre sono in frenata i ricoveri. Sono 44'773 i positivi, 1'565 più di ieri; 11'927 i ricoverati non in terapia intensiva (44 più di ieri) mentre 1'342 in terapia intensiva (+18). In totale sono stati eseguiti 121'449 tamponi.

18:13 - Secondo i 007 Usa, i dati cinesi su casi e morti sono falsiLa Cina ha nascosto la reale portata dell'epidemia del coronavirus dichiarando "numeri falsi" sia sui contagi sia sulle vittime. È quanto si afferma in un rapporto top secret dell'intelligence Usa sottoposto la scorsa settimana alla Casa Bianca, riporta l'agenzia Bloomberg citando fonti dei servizi. I dati forniti da Pechino sarebbero "intenzionalmente incompleti". L'epidemia in Cina è iniziata a fine 2019 ma le autorità hanno dichiarato ad oggi solo 82'000 casi e 3'300 decessi, meno di Usa, Italia e Spagna.

18:04 - Grigioni, altri 200 milioni dalla Banca cantonaleLa Banca cantonale grigione (BCG) interviene, accanto a Confederazione e Cantone, per sostenere le piccole e medie imprese (PMI) messe in difficoltà finanziarie dalla crisi dovuta al coronavirus. Mette sul tavolo fino a 200 ulteriori milioni di franchi. L'aiuto elaborato dal Consiglio federale, presentato il 20 marzo, prevede di mettere a disposizione delle aziende con problemi di liquidità crediti ponte garantiti per un importo massimo pari al 10% del loro fatturato

18:00 - Merkel, non possiamo dire quanto dureranno le misure"Oggi non possiamo fare dichiarazioni su come andremo avanti dopo Pasqua": lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel in una conferenza stampa telefonica con i media tedeschi a proposito della durata delle misure di contenimento. La crescita del contagio è leggermente diminuita ma non abbastanza da giustificare previsioni a lungo termine, ha specificato la cancelliera.

17:52 - New Jersey secondo Stato Usa più colpito dopo New YorkIl New Jersey è il secondo Stato Usa più colpito dal coronavirus, dopo quello di New York, con cui confina: i casi positivi sono quasi 19 mila, con 267 decessi. Al terzo posto la California, con 8'584 contagiati e 183 morti.

17:48 - USA: Detenuti bloccati nelle loro celle per 2 settimaneLe prigioni federali Usa hanno ordinato un lockdown dei detenuti nelle loro celle per due settimane allo scopo di combattere la diffusione del coronavirus. Il confinamento scatta da oggi e potrebbe essere esteso. Sono previste alcune eccezioni per mantenere alcuni programmi e per la pulizia delle celle. Il bilancio ufficiale del Covid-19 nelle carceri federali è di 29 detenuti e 30 dipendenti positivi. Un prigioniero è morto.

17:35 - La Germania prolunga misure al 19 aprileLe misure di contenimento in Germania non saranno inasprite ma prolungate fino al 19 aprile: è quanto stabilito durante una teleconferenza tra presidenti dei Land tedeschi e il governo federale alla presenza della cancelliera Angela Merkel. "Una pandemia non conosce giorni festivi" ha detto Merkel. "La dinamica della diffusione del coronavirus in Germania è ancora troppo alta. Dobbiamo ancora fare di tutto per impedire un'eccessiva velocità del contagio per mantenere l'operatività del nostro sistema sanitario": è quanto si legge nel decreto del governo, rivela l'agenzia di stampa tedesca Dpa.

17:14 - India: paura per il primo contagiato nella baraccopoli di MumbaiIl primo caso di coronavirus è stato individuato nella baraccopoli di Dharavi, a Mumbai, uno spazio di 2,1 chilometri quadrati dove vivono circa 1 milione di persone. Lo riporta India Today. Il contagiato è un uomo di 56 anni che è stato ricoverato in ospedale. Le autorità hanno sigillato l'edificio in cui abitava lasciando gli altri inquilini all'interno. Dieci membri della sua famiglia sono stati messi in quarantena.

17:10 - Gran Bretagna: oltre 550 morti in 24 oreBalzo di 563 morti in più per coronavirus in 24 ore negli ospedali del Regno Unito, concentrati soprattutto in Inghilterra e a Londra, fino a un totale registrato di 2'352, secondo i dati del ministero della Sanità britannico aggiornati ad oggi. I contagi censiti passano invece da 25'150 a 29'474, ossia un picco di 4'324 più di ieri. I test eseguiti nel Paese sfiorano infine ora i 153'000, a un ritmo salito a quasi 10'000 al giorno.

16:52 - Serbia, morto il segretario di Stato all'ambienteIn Serbia è morto oggi il segretario di Stato al ministero dell'ambiente Branislav Blazic, che era ricoverato in gravi condizioni dopo essere stato contagiato dal coronavirus. Ne ha dato notizia il ministero a Belgrado.

16:50 - Gran Bretagna: allarme anche nelle prigioni, decine i contagiAllarme anche nelle carceri britanniche per l'epidemia da coronavirus, in forte espansione in questi giorni nel Regno Unito. Sono almeno 69 i detenuti contagiati, stando a dati diffusi oggi dal ministero della Giustizia, che ovviamente conteggiano solo coloro a cui è stato fatto il tampone. I reclusi risultati positivi al test sono sparsi in 25 diversi istituti penitenziari del Paese, si legge in una nota. Tutti risultano essere stati isolati.

Fine conferenza stampa

16:47 - Koch ha indicato che il divieto di recarsi a far la spesa per gli over 65 pone un problema giuridico. Previsti aggiornamenti per rendere giuristicamente più accettabile la misura? De Rosa: "Stiamo aggiornando la risoluzione governativa, prendendo spunto dall'ordinanza federale 2". 

16:44 - Confronti con altri paesi europei. Merlani: "Difficile fare un confronte, il Ticino è il Cantone più colpito in Svizzera perché ha la percentuale più alta di anziani rispetto agli altri Cantoni". 

16:39 - I contagi nelle case anziani a cosa sono dovuti, visto che le visite sono vietate da tre settimane? Merlani: "Non è posssibile sigillare le persone sotto una campana di vetro. Gli ospiti in casa anziani sono stati messi sotto la protezione maggiore che potevamo garantire. È inevitabile che i contatti con l'esterno ci siano, come fornitori e personale. Il personale lavora con protezioni, cosa che riduce il rischio di contagi, ma il rischio zero non esiste". 

16:38 - Avete previsto quando si tonerà gradualmente alla normalità? De Rosa: "Riteniamo prematuro pensare a un allentamento delle misure. Ora dobbiamo concentrarci all'implementazione della strategia per spalmare il numero dei contagi nel tempo per garantire la qualità delle cure". 

16:35 - Test per l'identificazione di anticorpi. Già disponibili? Chi può farli? Merlani: "Esistono test per identificare gli anticorpi, ma sarà difficile dedurre informazioni su quanto gli anticorpi proteggono. Bisogna fare attenzione ai test, ce ne sono diversi sul mercato. Non tutti sono affidabili. Gli istituti si stanno muovendo per valutare quali sono utilizzabili per quale scopo. Attualmente non è un test da andare a richiedere al medico". 

16:32  - Casi positivi in Polizia? Cocchi: "La situazione è tranquilla. Abbiamo 11 casi positivi all'interno dell'effettivo totale (circa 1400 unità), mentre 22 persone sono in quarantena. Positivo è il fatto che il numero di assenze per malattia è minore alla media stagionale degli ultimi anni". 

16:30 - Dopo l'appello del weekend tante persone si sono annunciate per aiutare come personale sanitario? erano candidati validiIn questo appello? De Rosa: "Abbiamo riscontrato grande solidarietà da parte di molti professionisti e persone. Riceviamo decine di dossier e per questo vi ringraziamo di cuore". 

16:29 - Rete ticinese contro violenza domestica. È prevenzione o si è registrato un aumento dei casi? Cocchi: "Il fenomeno ci tocca da diversi anni, con circa 800.900 casi all'anno. Posso garantire che al momento è un fenomeno sotto controllo. Non abbiammo indicazioni che la situazione attuale ha portato all'aumento di questi casi". 

16:27 - Ci sono decessi nelle case anziani legati al Covid-19? Merlani:" 43 decessi su 132 in totale sono avvenuti in casa anziani. Sono circa un terzo dei casi registrati in totale". 

16:26 - Quanti permessi rilasciate alle ditte? Cocchi:  "Si parla di circa una quarantina di autorizzazioni, con grandi limitazioni. In un importante cantiere nel Sopraceneri ieri c'è stato un assembramento forte di operai e i responsbaili sono stati richiamati. Questa mattina la situazione invece non si è ripresentata". 

16:25 Quanti pazienti ticinesei trasportati Oltre Gottaro? Merlani: "Si è trovato un accordo per il trasferimento di tre pazienti covid-19 positivi di origini svizzere tedesche. Per quanto riguarda i prossimi giorni è difficile da dire. Abbiamo ancora delle riserve. Ma il sostegno dalla Svizzera tedesca è stato benvenuto". 

16:22 - C'è l'opinione che gli svizzeri tedeschi vogliano scendere per pasqua. Sono previste misure particolari? Cocchi: "Ci siamo attivati sulla piattaformi delle polizie svizzere e i media. Verrà segnalato un importante annuncio, dove la polizia ticinese chiede agli svizzero-tedeschie romandi di non scendere in Ticino. Dal punto di vista della comunicazione è già stato fatto, ora la gente lo deve capire. Stiamo organizzando controlli con la polizia urana e grigione per scongiurare l'arrivo di turisti affinché la situazione sanitaria venga preservata". 

16.20 -De Rosa: "il Governo valuta costantemente la proporzionalità e l'efficacia delle misure. Nei prossimi giorni si procederà a rinnovare la risoluzione governativa che scade domenica. Sono stati consegnati flyer e bolletini informativi ai turisti, in particolare di lingua tedesca, sui divieti alla spesa per gli over 65". 

16:16 - Cocchi: "La prima constatazione fatta dalle pattuglie è che c'è troppa gente in giro. È il momento più sbagliato per allentare la situazione. Vi riporto alla responsabilità individuale. Per gli over 65 sono consapevole che è un momento difficile, ma è stato messo in campo tutto quello che può essere di supporto a vostro favore. Confido nella vostra saggezza che vi contraddistingue per evitare spostamenti e contatti. Come papà mi complimento con i genitori che danno una mano ai figli e stanno facendo un lavoro immane, trasformando la loro quotidianità". 

16:15 - Merlani: "Mi è capitato di vedere una nonna spingere un passeggino con due bambini. Questo è molto pericoloso. Sembra dare una sensazione di normalità, ma non c'è niente di più sbagliato. Non dobbiamo lasciarci tentare dalle belle giornate". 

16:11 - Merlani ricapitola i dati odierni. "I dati sono stabili sugli ultimi giorni, con tendenza all'assestamento. Ma gli ospedali non sono mai stati così pieni di pazienti Covid-19 come in questi giorni. Le misure stanno avendo effetto, ma una scivolata non ce la possiamo permettere. Siamo vicini ai numeri massimi degli ospedali. Il numero delle persone ricoverate tenderà a restare alto anche la prossima settimana. Se dovessimo avere un aumento farà male al sistema sanitario. Non è un concetto astratto: il sistema siamo noi, sono i nostri parenti. Se lasciamo andare adesso, sarà doloroso. 

16:06 - De Rosa: "Siamo consapevoli dell'impatto psicologico. Per questo abbiamo creato una task force. La priorità è stata quella di dare sostegno al personale sanitario impegnato in prima linea. Ma da oggi è attiva una hotline anche per la popolazione (0800 144 144)".  

16.00 - Inizia la conferenza stampa. De Rosa: "La responsabilità salva vita umane. Fai la scelta giusta: resta a casa". È questo il nuovo appello alla popolazione. Abbiamo chiesto importanti rinunce. Stando a casa, non vi escludete dal partecipare alla collettività. Anzi è con questa azione che potete contribuire al contenimento dei contagi. Tutte le misure intraprese saranno vani se non adeguiamo tutti i comportamenti. Sappiamo con il passare del tempo diventa difficile rispettare le regole: abbiamo notato un allentamento negli scorsi giorni. Questo calo delle forze è comprensibile. Ma siamo entrati in una fase delicata e difficile. Sappiamo che c'è chi dice non serve a nullla. Ma è importante restere. Per riprendere energia non possiamo concederci momenti di relax di gruppo. Non è ancora arrivato il momento di abbassare la guarida. il numero dei casi positivi continua a crescere. Crescita piuttosto lineare e non più esponenziale. Ma il picco è ancora lontano. Per questo è necessario non mollare ora. Voglio ricordare che la malattia può avere un decorso grave. 

Conferenza stampa del Cantone alle 16:00, in diretta su Teleticino e Radio3iPresenti Raffaele De Rosa, Direttore del Dipartimento della sanità e della socialità, Matteo Cocchi, Capo dello Stato Maggiore Cantonale di Condotta e Giorgio Merlani, Medico cantonale

I punti chiave della Conferenza stampa da Berna:

-Previsti nuovi aiuti a indipendenti, settore culturale, viaggi e start-up. Circa 270'000 indipendenti al momento non hanno accesso agli aiuti-Non verranno erogati crediti a fondo perso, previsti nuovi prestiti a garanzia statale-I casi, secondo i dati UFSP, hanno raggiunto quota 17'139, quasi mille più di ieri-Le procedure d'asilo continuano, ma prolungati i tempi sia delle audizioni che dei respingimenti. Verranno messi a disposizione più posti letto-Prolungati i termini di ricorso per le decisioni d'asilo da 7 a 30 giorni, i rappresentanti obbligati non saranno più obbligati a presentarsi ai colloqui-Pevisti crediti extra per lo stoccaggio della carne e provvedimenti per garantire l'approvvigionamento alimentare, in particolare di burro e uova-La legalità delle misure per gli over-65 in Ticino verrà decisa nei prossimi giorni-Più di 1,5 milioni di svizzeri hanno fatto richiesta per il lavoro ridotto

Fine conferenza stampa

15:17 - Domanda: "Avete parlato di allentare alcune disposizioni, questo potrebbe succedere prima del 19 aprile?"Parmelin: "Non posso fornirle una data precisa, ma se dovessimo indebolire le direttive vorrebbe dire che l'UFSP sarebbe d'accordo nel farlo" Koch: "Ogni giorno ci sono sempre più casi di contagio, oggi siamo a 17'000 casi confermati, 1'000 in più rispetto a ieri, quindi siamo di fronte a un aumento, anche se è rallentato. Le misure quindi non verranno allentate"

15:15 - Domanda: "Ci sono già stati casi in cui qualcuno ha cercato di approfittarsi di questi aiuti?"Parmelin: "C'è sempre un piccolo margine di rischio, io reputo che le pene siano abbastanza consistenti a livello penale per evitare queste frodi. Comunque potenzieremo i controlli"

15:13 - Domanda: "Varie aziende obbligano i dipendenti ad andare in vacanza, per farli poi magari lavorare quest'estate. È giusto quello che fanno?"Zürcher: "Non voglio analizzare i casi singoli, ma fondamentalmente l'idea dell'indennità di lavoro ridotto non è di compensare le perdite come fatturato, ma compensare le ore che vengono a cadere. Se un'azienda manda a casa i propri lavoratori non si tratta di ore che vengono a cadere, l'obiettivo del lavoro ridotto quindi è mantenere la gente nel proprio contatto di lavoro. Le richieste verranno esaminate uno per uno, ed eventualmente si chiederà di risarcire queste indennità"

15:10 - Domanda: "Avete parlato di aiuti agli indipendenti, ma l'associazione delle libere professioni è molto arrabbiata contro questo ritardo"Parmelin: "Come già detto stiamo valutando bene chi avrà diritto dell'aiuto, e comunque molti possono già beneficiare di aiuto, dobbiamo sostenere in maniera mirata i casi di rigore. Ma dovremo selezionare chi, dei 270'000 indipendenti che ancora non ricevono aiuti, ha diritto a questi aiuti"

15:07 - Domanda: "Il PS ha chiesto che i profughi dalla Grecia potessero arrivare in Svizzera. Tenuto conto della crisi, vaglierà questa possibilità?"Keller-Sutter: "Ho già risposto che ci stiamo concentrando sull'aiuto in loco, o al massimo di accogliere i bambini con parenti svizzeri, ma al momento la situazione è bloccata. La Svizzera da sola non può accogliere un contingente di profughi come viene richiesto. Stiamo cercando di prestare il nostro aiuto dove possiamo farlo"

15:05 - Domanda: "In Ticino gli over-65 non possono fare la spesa, e chi lo fa viene multato. Per i giuristi questa è una discriminazione a livello di Costituzione?"Daniel Koch: "Siamo a conoscenza del problema, stiamo discutendo con le autorità ticinesi per decidere se sia un problema o meno, nei prossimi giorni chiariremo la cosa"

15:03 - Domanda: "Ha detto che si possono fare le audizioni anche senza rappresentati legali. Sulla base di che criteri decide la SEM se le autorità d'esecuzione possono fare eccezioni per procedure senza rappresentanti legali?"Keller-Sutter: "È il rappresentate legale stesso a scegliere. La situazione si è verificata soprattutto in Ticino, dove i rappresentanti legali non avevano più la possibilità di partecipare visto lo stato della pandemia. Se la situazione regionale non lo consente, è possibile al rappresentante legale non è essere presente. Non siamo noi a decidere, sono i rappresentanti legali a decidere, e se non partecipano il termine di ricorso è stato prolungato per far si che le procedure possano andare avanti correttamente"

14:59 - Domanda: "È possibile sospendere l'obbligo contrattuale per cantieri chiusi per la crisi, come per esempio è stato fatto da alcune aziende nei confronti di vari subappaltatori?"Zürcher, direttore ufficio federale giustizia: "Ci sono contratti che vanno rispettati, secondo me questa dovrebbe essere una situazione da negoziare e non un diktat di una delle due parti. Occorre appellarsi al buonsenso comune" Keller-Sutter: "Non ci sono punti in sospeso nel diritto svizzero, si è sospesa solo l'esecuzione dei fallimenti, il diritto vigente dev'essere applicato per quanto è possibile e il diritto d'urgenza dev'essere emanato nella misura minore possibile. Le aziende quindi sono responsabili di rispettare i termini dei contratti, in linea di massima, ovviamente escludendo il fatto che si riesca a raggiungere un accordo tra le parti"

14:54 - Domanda: "Per l'asilo, il prolungamento vale sia per gli stati Schengen che per gli altri? E comprende anche situazioni particolari, come quelle dei campi profughi in Grecia?"Keller-Sutter: "I termini sono prolungati per tutti, ma dobbiamo collaborare anche con gli altri Stati, per evitare che molte persone ammesse provvisoriamente non rispettino i termini. Non abbiamo parlato della Grecia oggi in Consiglio federale, anche se di solito ne parliamo sempre. Noi abbiamo sempre detto che siamo disposti ad accogliere bambini, se hanno parenti in Svizzera, ma al momento abbiamo difficoltà in materia di trasporti. C'era un'iniziativa congiunta a livello europeo per risolvere la questione dei campi profughi in Grecia, ma poi il coronavirus ha sospeso tutto" 

14:50 - Domanda: "L'ultimo week-end sono già state comminate molte multe a persone che non hanno rispettate le norme. Il prossimo week-end sarà soleggiata, se troppa gente uscirà ci potrebbero essere ulteriori restrizioni?"Parmelin: "Il Consigliere Berset è stato molto chiaro in proposito: abbiamo a che fare con una maratona, non bisogna abbassare la guardia, nonostante il sole e il bel tempo. Mi appello anch'io, assieme all'intero Consiglio federale, alla popolazione: rispettate le norme! Faccio appello al senso civico dei cittadini, anche se comprendo che non sarà facile per tutti. Comunque, al momento, la maggior parte delle persone rispetta le direttive"

14:48 - Domanda: "Avete detto che vi state preparando per il periodo dopo l'epidemia. Qual è lo scenario prevedete per il post-coronavirus?"Parmelin: "Bisogna sempre riflettere su come uscire da una crisi, non si tratterà di premere un pulsante e tutto tornerà come prima. Ad esempio, affinché le ferrovie ricomincino a funzionare a pieno regime ci vorranno almeno 2-3 settimane di tempo. Noi quindi continuiamo a ragionare sugli scenari futuri. Se la situazione dovesse migliorare poi, cercheremo di evitare errori fatti altrove, e ci sono scenari anche nel caso la crisi permanga o addirittura peggiori. Ci troveremo presto con l'UFSP e con il signor Daniel Koch per iniziare a discutere le misure su come uscire dalla crisi"

14:47 - Domanda: "Una petizione di produttori chiede che sia possibile vendere determinate derrate alimentari al momento vietate, perché questi prodotti non vengono consentite, per garantire l'approvvigionamento?"Parmelin: "Abbiamo pensato che la misura presentasse dei rischi in materia di salute. Stiamo prevedendo determinati scenari che permetteranno gradualmente di uscire da questa crisi con misure mirate. Oggi è prematuro parlarne"

14:45 - Domanda: "Accanto alle 30'000 persone rinviate, 3'000 sono state accolte in quanto presenti clausule di urgenza. Quali sono le clausule che si sono verificate?"Keller-Sutter: "Ci sono dei casi in cui, ad esempio, se ci sono parenti stretti in una situazione d'emergenza (malattia, procedimento giudiziario), si ha diritto ad entrare in Svizzera. Ma si tratta di circostanze estremamente difficili, per esempio un bambino da andare a prendere in caso di genitori divorziati, eccetera"

14:42 - Domanda: "Cosa pensa dell'iniziativa di scienziati del Politecnico di Losanna che vuole sviluppare un'applicazione per verificare se si è stati vicini a una persona infetta da coronavirus?"Keller-Sutter: "Dipende dal quadro legale, se ho capito bene credo ci sia una certa apertura da parte dell'UFSP per testare queste applicazioni", Daniel Koch: "Si tratta soprattutto di un app, lanciata a livello europeo, quindi non solo svizzero. Bisogna verificare legalmente se potrebbe essere possibile utilizzare quest'app, considerando che i dati comunque rimarrebbero continuamente anonimi" André Simonazzi, portavoce del Consiglio federale: "Se ne discuterà meglio domani"

14:39 - Domanda: "Questi aiuti supplementari per gli indipendenti, riguardano anche personale sanitario o fisioterapisti che in questo momento non possono aprire i loro studi?"Parmelin: "Ci sono molte persone colpite da questa situazione, dobbiamo ancora lavorare per decidere bene le cerchie di chi sarà incluso negli aiuti. Un caso emblematico per esempio sono i tassisti. Dovremo anche lavorare per far si che si eviti l'effetto elemosina o la possibilità di abusi. I lavori sono in corso"

14:37 - Domanda: "Per gli aiuti agli indipendenti, si sa già di quanti miliardi si parla?" Parmelin: "Per prima cosa dobbiamo delineare i criteri e le cerchie eventuali dei beneficiari. Bisogna quindi analizzare la situazione, anche per evitare doppioni di fondi stanziati. Una volta analizzata la situazione bisognerà poi decidere attraverso quali canali far arrivare questi aiuti. Una volta deciso tutto questo si parlerà di cifre"

14:36 - Domanda: "Si prevedono problemi di approvvigionamento di generi alimentari in Svizzera?" Parmelin: "No, non bisogna preoccuparsi"

Spazio per le domande dei giornalisti

14:34 - Dürr: "Non c'è una crisi dell'Asilo, continuiamo a lavorare e sono convinto che il federalismo sia un vantaggio in questa situazione, non si smette di collaborare tra Cantoni e Confederazione"

14:33 - Dürr: "L'obbligo di allontanamento rimane tale, anche se allontanamenti, rinvii, ed eventualmente il carcere prima dei rinvii sono più complicati da gestire"

14:32 - Dürr: "Siamo al 70% della capacità delle strutture d'Asilo""A volte difficile far passare il messaggio sulle norme di protezione con lingue e culture diverse"

14:30 - Baschi Dürr, vicepresidente della Conferenza dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia: "Ringrazio per l'ottima collaborazione con la Confederazione per la questione dell'Asilo. Come Cantoni siamo davanti a una dicotomia: da un lato dobbiamo garantire le regole sanitarie e dall'altro il mandato che dobbiamo rispettare per far andare avanti le procedure d'asilo"

14:29 - Gattiker: "Dobbiamo metterci d'accordo con i Cantoni per ridurre al minimo gli spostamenti, ringrazio i Cantoni per la disponibilità"

14:28 - Gattiker: "Siamo in contatto con i militari per poter eventualmente estendere ulteriormente la portata dei posti riservati all'accoglienza"

14:27 - Gattiker: "È importante che venga mantenuto l'obbligo all'allontanamento, ma ovviamente in questa situazione di pandemia i termini sono prolungati"

14:24 - Mario Gattiker, direttore SEM: "Stiamo studiando nuove misure, per esempio utilizzando vetri di plexiglass per separare le persone. Sarà possibile anche svolgere le audizioni senza rappresentati legali, ma per compensare abbiamo esteso grandemente i termini per i ricorsi"

14:24 - Keller-Sutter: "È una grande sfida, anche per i Cantoni. Li ringrazio per essersi messi a disposizione in questi momenti difficili"

14:23 - Keller-Sutter: "Molti meno flussi dall'estero, ma qualche persona continua ad arrivare nei centri, abbiamo 600 posti supplementari a disposizione in caso di necessità"

14:22 - Keller-Sutter: "Misure: Ridotto il numero di persone che in caso d'emergenza possono essere presenti in un locale. I rappresentanti legali possono partecipare alle audizioni ma non sono obbligati a farlo. Prolungato il termine di rinvio per chi ha ricevuto una decisione negativa e deve lasciare la Svizzera. Da ultimo, a disposizione nuovi alloggi per richiedenti d'asilo, se fosse necessario"

14:21 - Keller-Sutter: "Abbiamo riattivato vari centri inattivi per fornire posti supplementari, per via delle misure in vigori possiamo offrire solo la metà dei posti in ogni edificio, il pericolo di contagio dev'essere minimizzato anche per i rifugiati e per chi partecipa alla procedura d'asilo"

14:19 - Keller-Sutter: "Misure ai confini: le limitazioni in vigore valgono anche per i richiedenti d'asilo, che possono quindi essere rinviati se fosse il caso"

14:19 - Keller-Sutter: "Fortunatamente non ci sono crisi migratorie, pochissimi richiedenti d'asilo arrivano in Svizzera in questo periodo"

14:18 - Keller-Sutter: "No a sospensione procedure d'asilo, porterebbe a una crisi per gli alloggi e per i rinvii"

14:16 - Keller-Sutter: "Bisogna proteggere la salute delle persone mantenendo il sistema dell'asilo in Svizzera. Lo Stato di diritto deve continuare ad essere efficace, continuando a proteggere efficacemente chi ha diritto a ricevere asilo. Dev'essere anche possibile che le persone che non hanno questo diritto vengano allontanate"

14:15 - Keller-Sutter: "La pandemia di coronavirus e le misure adottate hanno ripercussioni anche per il settore dell'Asilo, soprattutto nell'alloggio dei richiedenti asilo e nella gestione degli allontanamenti"

14:14 - Parmelin: "Da prevedere anche misure di aiuto per il periodo dopo la crisi, per ritornare alla normalità"

14:13 - Parmelin: "Rispettare le direttive UFSP sul posto del lavoro richiede creatività e adattabilità. Le prospettive della Svizzera dipendono da questa creatività: dobbiamo lavorare ovunque sia possibile farlo"

14:12 - Parmelin: "Altri mandati già citati riguardano le agenzie viaggi, la cultura, lo sport e le start-up"

14:11 - Parmelin: "La difficoltà è stabilire chi ha diritto a queste indennità, e le casse cantonali di compensazione sono già molto sollecitate economicamente, sennò si rischia di compromettere il versamento di AI, pensioni e altre indennità"

14:10 - Parmelin: "Gli obiettivi sono gli stessi: sostenere l'economia, aiutare gli indipendenti, evitare l'insolvenza. Siamo conoscenti che quasi metà dei 500'000 indipendenti svizzeri al momento non possono richiedere indennità"

14:09 - Parmelin: "Aiuti generali metterebbero in difficoltà l'economia Svizzera, se la crisi si prolungasse, ma estenderemo le misure"

14:08 - Parmelin: "Gli aiuti stanno arrivando, aumenteremo la somma stanziata per questi aiuti, siamo coscienti che molte persone incontrano difficoltà notevoli, ma non è possibile coprirle con una copertura generale"

14:07 - Parmelin: "ieri crediti stanziati a più di 50'000 aziende, più di 85'000 aziende hanno presentato richiesta per indennità di lavoro ridotto, per più di un milione e mezzo di impiegati"

14:04 - Parmelin: "Punto 1: gli indipendenti verranno aiutati. Il diparimento dell'Interno deve collaborare per elaborare proposte confrete entro mercoledì prossimo"Punto 2: tutti gli indipendenti del settore privato devono essere sostenutiPunto 3: più denaro per le fideiussioniPunto 4: Il DEF dovrà decidere come agire contro gli abusiPunto 5: Soluzioni per le Start-Up entro il 15 aprile, ed entro l'8 aprile per il settore dei viaggi"

14:03 - Parmelin: "Vogliamo garantire i salari tramite il lavoro ridotto e iniettare liquidità tramite le fideiussioni"

14:00 - Conferenza stampa da BernaPresenti la consigliera federale Karin Keller-Sutter, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), Guy Parmelin, consigliere federale, Capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR), Baschi Dürr, consigliere di Stato, vicepresidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (CDDGP)

13:25 - L'Unione europea vuole introdurre il lavoro ridottoLa Commissione europea propone SURE uno strumento contro la disoccupazione garantito da tutti gli Stati membri, per contribuire a salvaguardare l'occupazione in Paesi come Italia e Spagna, tra i più colpiti dal coronavirus. Lo annuncia la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, su Twitter. "Come funziona Sure? Abbiamo appreso gli insegnamenti dalla crisi finanziaria del 2008. Gli Stati membri che disponevano di questo strumento hanno aiutato milioni di persone a rimanere nel loro posto di lavoro e le aziende a superare la crisi finanziaria con i propri dipendenti. Sure significa lavoro di breve durata sostenuto dallo Stato". In passato "ha mitigato gli effetti della recessione, ha mantenuto le persone al lavoro e ha permesso alle aziende di tornare sui mercati con rinnovato vigore. L'idea è semplice - spiega -: se non ci sono ordini, le aziende non dovrebbero licenziare i propri lavoratori. Nel tempo libero, ai lavoratori potranno essere insegnate, ad esempio, nuove competenze che andranno anche a beneficio sia dell'azienda. Così le persone possono continuare a pagare gli affitti e comprare ciò di cui hanno bisogno. Questo ha un impatto positivo anche sull'economia. Potranno tornare al lavoro non appena il blocco sarà terminato, quando la domanda riprenderà e così gli ordini. È fondamentale per riavviare velocemente il motore economico europeo".

13:20 - Tornati in 266 dal PerùÈ atterrato stamane a Zurigo il secondo volo di rientro organizzato da Lima, capitale del Perù, per riportare a casa i cittadini svizzeri rimasti bloccati nel Paese andino a causa del coronavirus. A bordo dell'aereo della Edelweiss c'erano 266 connazionali e 33 passeggeri provenienti da altre nazioni europee. Secondo quanto scrive il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) sul proprio sito, molti dei turisti sono stati portati in autobus nella metropoli sudamericana da diverse città sparse in tutto lo Stato. L'ambasciata svizzera ha predisposto i trasporti, dato che le misure adottate per frenare l'epidemia hanno fortemente limitato le possibilità di spostamento all'interno del Perù. Uno dei torpedoni è rimasto coinvolto in un incidente sulla strada da Cusco a Lima. L'autista e due turisti stranieri hanno riportato leggere ferite. L'operazione di recupero su vasta scala del DFAE procede dunque a pieno regime. Ad oggi, oltre 1500 svizzeri sono già stati rimpatriati dall'inizio della crisi legata al Covid-19. La Confederazione si attiva per chi non riesce a organizzare autonomamente il viaggio di ritorno. Nei prossimi giorni altri voli di rientro sono previsti dai quattro angoli del pianeta. Gli aerei decolleranno in particolare da Africa, Sud America, sud-est asiatico e Australia.

12:23 - Italia, scuole chiuse sicuramente fino al 13 aprileLe scuole in Italia fino al 13 aprile "saranno sicuramente chiuse": a dirlo è la ministra dell'istruzione italiana Lucia Azzolina, secondo quanto apprende l'agenzia di stampa italiana Ansa. La ministra invita quindi il mondo della scuola a continuare a puntare sulla didattica a distanza. È in corso un lavoro al Ministero dell'Istruzione sugli esami di Stato, la ministra ha invitato i dirigenti scolastici a non lasciarsi influenzare da quello che si sente e si legge in queste ore, anche sulle valutazioni degli alunni, "le notizie ufficiali arrivano dal Ministero. Alcune decisioni vanno prese in modo celere".

12:05 - Anche Bolsonaro cambia i toni sul coronavirusIl presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha cambiato decisamente i toni sull'emergenza coronavirus e ha definito la pandemia "la più grande sfida per la nostra generazione". In un breve discorso trasmesso martedì sera a reti unificate, il presidente brasiliano si è astenuto dal criticare le misure di isolamento sociale e ha ammesso che per affrontare la pandemia sono necessari "unione e collaborazione" da parte dei poteri dello Stato, per "salvare vite, senza perdere posti di lavoro".

11:54 - Sono 40 i farmaci sotto la lente dell'Agenzia europea del farmacoL'Agenzia europea del farmaco (Ema) sta valutando, in continuo contatto con le aziende ed enti che li sviluppano, 40 farmaci contro il Covid-19 come possibili terapie. Al momento sono attesi i risultati ma sulla base dei dati preliminari ancora non ci prove di efficacia per nessuno di questi. Tuttavia tra le "potenziali terapie" su cui sono in corso sperimentazioni ci sono due antimalarici, due antivirali usati contro l'Hiv, un antivirale sviluppato per Ebola, un farmaco per la sclerosi multipla e un antireumatico.

11:26 - Nel Bergamasco più morti di quelli mostradi dai datiUna indagine del quotidiano L'Eco di Bergamo condotta insieme all'agenzia di analisi dati InTwig ha fatto emergere che nella Bergamasca i morti per coronavirus sarebbero molti di più rispetto ai 2.060 ufficiali (con 8.803 contagiati). Il numero reale dei morti per il Covid-19 nella provincia di Bergamo sarebbe almeno 4.500 in un mese su un totale di 5.400 deceduti. All'indagine del quotidiano hanno risposto 91 amministrazioni comunali che rappresentano oltre il 50% della popolazione totale. I dati forniti hanno permesso di stabilire che "nell'ultimo mese di marzo sono morte in totale oltre 5.400 persone di cui circa 4.500 riconducibili al coronavirus".

11:05 - Firma audiovisiva per i certificatiIl bisogno di firmare contratti legalmente validi in modo digitale è cresciuto notevolmente con la diffusione del coronavirus, segnala il Consiglio federale in una nota. Tuttavia oggi, di solito, per ottenere una tale firma il richiedente deve presentarsi personalmente e farsi identificare presso un centro di registrazione. Per evitare spostamenti, il governo ha deciso di introdurre nell'ordinanza un nuovo articolo in base al quale l'identità di una persona che chiede un certificato può essere stabilita in linea di massima tramite una comunicazione audiovisiva in tempo reale. L'identificazione deve comunque iscriversi in un processo conforme alle esigenze della legge sul riciclaggio di denaro o in una procedura riconosciuta conforme in uno Stato membro dell'Unione europea, precisa l'esecutivo. Se la situazione dovesse migliorare prima della scadenza del periodo di validità di sei mesi, il Consiglio federale abrogherà la disposizione prima del previsto. I certificati in questione verrebbero quindi revocati anticipatamente. Potrebbero essere prorogati o sostituiti secondo le modalità ordinarie. Le firme elettroniche apposte durante il periodo di validità rimangono invece legittime a tempo indeterminato.

11:00 - L'Italia intende prorogare le misure di due settimaneLa decisione del governo italiano è di "prorogare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate". Lo ha detto il ministro della Salute italiano, Roberto Speranza, nell'informativa al Senato. "Siamo nel pieno di un'esperienza durissima e drammatica, avremo tempo e modo di valutare ogni atto e conseguenza, ma a tutti è chiara una cosa: il Servizio sanitario nazionale è il patrimonio più prezioso che possa esserci e su di esso dobbiamo investire con tutte le forze che abbiamo", ha aggiunto Speranza. "Sono convinto che il Parlamento - ha sottolineato - saprà essere all'altezza di questa sfida". Il clima politico "positivo e unitario è una precondizione essenziale per tenere unito il Paese in questo momento difficile della nostra storia. Non è il tempo delle divisioni", ha affermato il ministro della Salute. "Sarà la comunità scientifica a dirci quando riaprire, del tutto o in parte", ha indicato dal canto suo il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio in una intervista a Fanpage. "C'è un comitato scientifico che dirà al governo quando potremo tornare alla normalità. Quello che posso dire è che quanto più saremo responsabili, stando a casa, prima riapriremo. Se invece continueremo a fare i furbi - i dati del Ministero dell'Interno sulle denunce lo dimostrano - allungheremo i tempi della chiusura, che ovviamente ha anche un impatto economico", ha aggiunto Di Maio.

10:00 - Ultimi dati in Ticino, altre 12 vittimeI morti da coronavirus in Ticino sono saliti a 132, 12 in più rispetto a ieri, i contagiati a 2'195, si tratta di un centinaio di nuovi casi.

8:50 - Gli USA prevedono fino a 240mila vittime"Attraverseremo due settimane molto, molto dolorose", ha annunciato il presidente statunitense Donald Trump nel consueto briefing serale alla Casa Bianca sull'emergenza coronavirus, dove vengono illustrati per la prima volta i modelli statistici e le proiezioni degli esperti della task force governativa: negli Stati Uniti sono previsti da 100 mila a 240 mila morti se le misure di distanziamento sociale saranno rispettate, mentre domenica la forchetta si fermava a 200 mila vittime.

8:30 - Manor amplia la consegna a domicilioManor amplia l'offerta per coloro che non possono raggiungere i suoi supermercati a causa del coronavirus: la catena svizzera di grandi magazzini ha introdotto un servizio di consegna a domicilio in tutti i 30 supermercati Manor Food, con un assortimento di 500 generi alimentari. Sul sito online manor.ch sono inoltre ora disponibili 150 alimenti di base. A causa del coronavirus i principali fornitori di generi alimentari online sono sotto pressione e Manor risponde all'emergenza, si legge in comunicato odierno. Nei supermercati sarà ora possibile effettuare ordinazioni e prevedere la fornitura a domicilio, come pure ritirare sul posto i prodotti ordinati. Durante i normali orari di apertura dei negozi saranno accolti gli ordini di generi alimentari per telefono e nei prossimi giorni anche per e-mail. Le consegne avverranno tempestivamente: in caso di domanda normale, entro due giorni in un raggio di 30 chilometri. Il servizio di consegna a domicilio è gratuito per i clienti residenti nel raggio di 10 chilometri. Tra i 10 e i 20 chilometri si stima un contributo alle spese di 15 franchi. La quantità minima d'ordine è pari a 50 franchi. È possibile pagare con carta fedeltà Manor, carta di credito, fattura singola e contanti: per motivi igienici, tuttavia, il pagamento con carta è preferibile. Per accelerare il processo di ordine, gli specialisti Manor hanno inoltre assemblato per i clienti tre pacchetti di base (normale, senza lattosio e senza glutine) e un pacchetto "igiene".

7:54 - Curafutura: "Le casse malati pagheranno le prestazioni"La presa a carico delle prestazioni per la cura del nuovo coronavirus è garantita e rimarrà tale indipendentemente da come si svilupperà l'epidemia. Lo sostiene Pius Zängerle, direttore dell'associazione degli assicuratori-malattie Curafutura, in un'intervista pubblicata oggi dal quotidiano romando La Liberté e dalle testate consorelle. "Le riserve ci sono proprio per questo genere di situazioni", rileva il direttore di Curafutura, che riunisce CSS, Helsana, Sanitas e KPT. Per quanto riguarda i test, Zängerle precisa che l'assicurazione di base rimborsa quelli prescritti da un medico, vale a dire per le persone con sintomi gravi e quelle a rischio di complicazioni. Il test, tenendo conto delle procedure di accompagnamento, costa attualmente circa 300 franchi, ma ci si potrebbe aspettare una riduzione dei costi a causa dell'aumento dei volumi, sottolinea. Per quanto riguarda invece il farmaco generico idrossiclorochina, Zängerle spiega che questo preparato viene prescritto per altre malattie - si tratta di un antimalarico - e dunque l'elenco delle specialità (ES) non prevede un rimborso automatico se viene utilizzato contro il nuovo coronavirus. La presa a carico, aggiunge, avviene "caso per caso, se l'uso del farmaco fornisce un elevato beneficio in termini di salute".

6:30 - Volo di rientro da BangkokIeri sera alle 19.30 all'aeroporto di Zurigo è atterrato un volo di rientro organizzato dal DFAE proveniente da Bangkok, capitale della Thailandia. Lo ha annunciato nella notte il Dipartimento degli affari esteri, a bordo vi erano 114 cittadini svizzeri e 102 cittadini di altri Paesi europei. Si tratta del secondo volo di rimpatrio organizzato dall'Asia, il primo dalla Thailandia.

6:00 - "La più grande crisi da quando esistono le Nazioni Unite""Questo è un momento di definizione della società moderna", ha detto il Segretario generale dell'ONU Antonio Gutierrez introducendo un'analisi delle Nazioni Unite sulla crisi del coronavirus. "È la più grande sfida da quando esistono le Nazioni Unite", ovvero dal termine della Seconda guerra mondiale.