Ticino
Campione si prepara al cambio epocale
Dal 1° gennaio l'enclave entrerà nello spazio doganale dell'Unione Europea, diverse le conseguenze per la popolazione
La Redazione
Campione si prepara al cambio epocale
Campione si prepara al cambio epocale

Dal 1° gennaio Campione d'Italia entrerà nello spazio doganale dell'Unione Europea, un cambio epocale che influirà marcatamente sul futuro dei cittadini dell'enclave, il cui numero è andato via via assotigliandosi dal fallimento del Casinò ad oggi.

Ma quali saranno le conseguenze? Ecco cosa succederà. 

Con l'entrata di Campione nello spazio doganale europeo, cesseranno diversi servizi pubblici essenziali che sono sempre stati garantiti grazie alla collaborazione con il Canton Ticino. Il servizio postale non sarà più garantito dalla Posta svizzera, tutta la corrispondenza in partenza dal Ticino (circa l'80% del totale) prima di arrivare nell'enclave passerà da Milano. Oggi, l'ufficio della posta è collocato nel Municipio ed è possibile effettuare pagamenti di conti correnti e fatture svizzere.

Dal 1° gennaio i campionesi dovranno sostenere gli esami di guida in Italia; le vetture targate Ticino, entro dodici mesi dovranno essere stargate, sdoganate e immatricolate. La patente svizzera dovrà essere cambiata in quella italiana. 

La dogana non avrà un ufficio a Campione, ma un punto di controllo a Bissone, sarà possibile infilare le dichiarazioni per la merce in una cassetta.

I minori di 14 anni di Campione non potranno più raggiungere da soli e utilizzare le strutture sportive dei comuni confinanti, dovranno essere accompagnati.

Continueranno invece i servizi di telefonia, internet, via cavo, fibra e TV, così come i servizi di ambulanza e pronto intervento.

Nel frattempo, si segnala la nasciata della "Nuova Associazione Campione Operatori Econimici", grazie al contributo di Mauri Rubbini, Bernard Fournier e Giuseppe Carmeci.