Campione riparte, ma multe per i ticinesi
L’apertura dei negozi 7 giorni su 7 attira diversi clienti, ma chi è sprovvisto di una motivazione valida è punibile con una multa salata
di teleticino/ls
Campione riparte, ma multe per i ticinesi

A Campione d’Italia i negozi sono aperti 7 giorni su 7. E le aperture, complice anche i pochi controlli, hanno attirato parecchi ticinesi. “Siamo abbastanza soddisfatti, abbiamo dato un piccolo servizio a questo paese” racconta Alberto Ghiringhelli, titolare di un mini-market, inaugurato da poco. E non è il solo ad aver aperto una nuova attività. Anche Gloria Caslini ha avviato il suo negozietto con prodotti italiani. Un’apertura che ha prodotto un successo immediato, anche al di là del confine. “C’è un buon riscontro. Abbiamo aperto con lo scopo di far ripartire il paese, anche dal punto di vista turistico, attendendo di sapere quello che succederà al casinò”. Pure un ortofrutticolo, ex dipendente del Casinò, racconta del buon esito della sua attività: “È praticamente un assalto con questi prezzi contenuti e prodotti di qualità”.

Ma si può entrare senza problemi a Campione? Nonostante si tratti di un’enclave, le regole sono le stesse che valgono nel resto dell’Italia. Il valico tuttavia non è presidiato e i controlli sono poco frequenti. Ma se un cittadino svizzero venisse bloccato senza una motivazione valida, la multa è salata, hanno spiegato i responsabili del comune ai colleghi di Teleticino: 400 euro.

  • 1