Vallemaggia
Alluvione e importante frana in zona Fontana, niente elettricità ed evacuazioni in corso
© Facebook - Luca Triacca
© Facebook - Luca Triacca
20 giorni fa
I soccorsi sono resi particolarmente difficoltosi dalle cattive condizioni meteo. La strada cantonale è interrotta dal ponte di Visletto, travolto dalle acque. Le valli Bavona, Lavizzara e di Campo non sono quindi raggiungibili via terra. Diverse le evacuazioni in corso mediante elicottero, tra le quali una scuola Montagna a Mogno dove una quarantina di bambini sono stati portati a valle. La Linea 315 FART è interrotta fino a nuovo avviso da Riveo Paese a Cavergno. Da Riveo Paese a Locarno le corse sono regolari in entrambe le direzioni.

Nel corso della notte violenti temporali hanno colpito la Vallemaggia. In particolare - spiega la Polizia cantonale - si segnala un'importante frana in zona Fontana e si registrano alcuni dispersi. I soccorsi sono resi particolarmente difficoltosi dalle cattive condizioni meteo. La strada cantonale è interrotta dal ponte di Visletto, travolto dalle acque. Le valli Bavona, Lavizzara e di Campo non sono quindi raggiungibili via terra. Sono inoltre stati evacuati abitazioni e campeggi presenti lungo il fiume Maggia. Nella zona maggiormente colpita le comunicazioni e l'elettricità sono interrotte. Per facilitare le operazioni di soccorso si invita la popolazione a ridurre al minimo gli spostamenti e a non recarsi nei luoghi colpiti dal maltempo. Per il coordinamento degli enti di primo intervento è operativo uno Stato maggiore regionale di condotta (SMRC). 

Evacuazioni in corso

Il ponte Visletto a Cevio è crollato isolando di fatto tutto da Cevio in su. Stando a Rescue Media, diverse le evacuazioni in corso mediante elicottero, tra le quali una scuola Montagna a Mogno dove una quarantina di bambini sono stati portati a valle. Anche le comunicazioni sono rese difficili visto che la zona è senza corrente e senza connessione. Gli enti di pronto intervento hanno allestito un posto comando ad Aurigeno dove viene gestita l’emergenza. La strada Cantonale è chiusa all’altezza di Ponte Brolla.

Linea 315 interrotta fino a nuovo avviso

La FART avvisa l'utenza che, a causa dei danni provocati dal maltempo in Vallemaggia, la Linea 315 FART è interrotta fino a nuovo avviso da Riveo Paese a Cavergno. Da Riveo Paese a Locarno le corse sono regolari in entrambe le direzioni. Sono da prevedere dei ritardi e possibili mancate coincidenze.

Accumuli superiori ai 120 mm in meno di 6h

Stando a quanto pubblicato da MeteoSvizzera, le precipitazioni temporalesche stazionarie hanno causato in meno di 6 ore accumuli massimi superiori ai 100–120 mm. "Le conseguenze in Vallemaggia sono purtroppo gravi, con la portata del fiume Maggia a Bignasco che ha polverizzato il record dell’alluvione di fine agosto 1992. Stando all'UFAM, anche nell’Alto Canton Uri e nell’Alto Vallese i livelli misurati nella disastrosa alluvione dell’agosto 1987 sono stati abbondantemente superati".

Niente elettricità anche nelle valli Verzasca e di Vergeletto

La Società Elettrica Sopracenerina comunica che a causa del maltempo di questa notte manca l’erogazione di energia elettrica da Visletto a fondo Vallemaggia, da Brione Versasca fino a Sonogno, nella Valle di Vergeletto e nella zona di Intragna Calezzo. "Tutti i nostri tecnici sono già sul terreno per ripristinare l’erogazione prima possibile, al momento non è ancora possibile fornire delle scadenze precise", spiegano nella nota.

Acqua non potabile

Le autorità comunicano che nella zona a partire da Cevio, Val Rovana, Val Bavona e Val Lavizzara, l'erogazione di acqua potabile non è possibile. Fino a nuovo avviso l’acqua potabile non può essere né bevuta, né utilizzata per cucinare o lavare. È quindi importante non bere l'acqua del rubinetto ed è necessario farla bollire prima di berla o utilizzarla per cucinare.

Detriti nel Verbano

A causa del recente maltempo della Val Mesolcina e di queste ultime ore in Valle Maggia, vi è un riversamento di detriti - portati dal fiume Ticino - nel lago Verbano. Le autorità invitano a prestare la massima attenzione al legname presente su tutto il lago Verbano fino al confine con L'Italia. Non sussistono pericoli, ma gli utenti del lago devono prestare particolare attenzione.