Lugano
Accolta a Palazzo Civico l'Ambasciatrice di Ucraina in Svizzera
© Città Lugano
© Città Lugano
9 giorni fa
Iryna Venediktova, entrata nella sua funzione lo scorso novembre, è stata accolta dal sindaco Michele Foletti. Al centro dell'incontro il conflitto in corso e l'inaugurazione dell'iniziativa "Giorni culturali: Ucraina-Ticino Orizzonti".

L'Ambasciatrice di Ucraina in Svizzera Iryna Venediktova è stata ricevuta oggi a Palazzo Civico dal Sindaco di Lugano Michele Foletti per una visita di cortesia. La diplomatica, entrata nella sua funzione lo scorso novembre, succede all'ambasciatore Artem Rybchenko dopo aver ricoperto per due anni la carica di procuratrice generale dell'Ucraina.

La guerra al centro dell'incontro

Il conflitto in corso in Ucraina è stato il tema al centro dell'incontro: il Sindaco Michele Foletti ha espresso la solidarietà e la vicinanza della Città di Lugano alla popolazione ucraina, che vive costantemente sotto le bombe. "Gli attacchi indiscriminati sulla popolazione e le infrastrutture civili con l’obiettivo di paralizzare il Paese - ha sottolineato il Sindaco Foletti - sono una barbarie che invoca una condanna unanime". L'Ambasciatrice Iryna Venediktova ha espresso la sua profonda gratitudine alla Città che si è da subito attivata nell'accoglienza e nel sostegno ai profughi in fuga dalla guerra.

Oltre 700 ucraini vivono a Lugano

A Lugano risiedono 710 persone di nazionalità ucraina, nel 2021 erano 139. S.E. Iryna Venediktova ha ricordato anche il supporto offerto dalla Città accogliendo la prima edizione dell'Ukraine Recovery Conference; un evento che ha posto le basi per la ricostruzione dell’Ucraina, che richiede un processo politico e diplomatico ampiamente condiviso. La diplomatica e il Sindaco parteciperanno questa sera, all'Asilo Ciani, all'inaugurazione dell'iniziativa promossa dall'Associazione Amicizia dei Popoli "Giorni culturali: Ucraina - Ticino Orizzonti. Un'iniziativa sostenuta dalla Città, che ha lo scopo di far conoscere la ricchezza culturale e artistica dell'Ucraina. Il ricavato sarà destinato per l'acquisto di beni di prima necessità per sostenere la popolazione ucraina.