Zurigo, attacco omofobo allo stand informativo
I soliti ignoti hanno rimosso bandiere arcobaleno e distrutto cartelli. L'MPS condanna l'attacco
Redazione
Zurigo, attacco omofobo allo stand informativo
Zurigo, attacco omofobo allo stand informativo

I soliti ignoti hanno preso di mira oggi a Zurigo uno stand informativo sulla giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia. Una giornata che ogni anno ricorre il 17 maggio, data in cui 19 anni fa l'Organizzazione Mondiale della Sanità aveva rimosso l’omosessualità dalla lista delle malattie. 

Il gruppo ha attaccato lo stand, rimuovendo le note bandiere arcobaleno, simbolo dell'orgoglio gay, e distruggendo cartelli. L'atto è stato condannato dal movimento per il socialismo (MPS) d'oltralpe, che sul suo profilo Facebook ha pubblicato un video dell'attacco omofobo. 

"Questo attacco dimostra ancora una volta quanto sia importante lottare contro l'omofobia, la transfobia, il sessismo e il fascismo" ha condannato il movimento sui social, dove ha espresso solidarietà alle persone prese di mira.

L'attacco avviene proprio nel giorno in cui in 12 Cantoni sono state depositate delle mozioni (in Ticino dalla giovane deputata socialista Laura Riget) con cui viene chiesto alla Polizia cantonale di registrare i crimini contro le persone LGBTI (vedi articolo suggerito).