Svizzera
Ticket nominale alle partite, Gobbi: "L'obiettivo è sapere chi c'è allo stadio"
Redazione
2 mesi fa
Il Consigliere di stato ticinese, direttore del Dipartimento delle Istituzioni ha spiegato l'obiettivo della misura approvata oggi dai direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia.

Introdurre i biglietti nominali negli stadi: oggi la Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (Cddgp) ha avviato un progetto con questa misura volto a intensificare la lotta al tifo violento, che avverrà grazie alla revisione del concordato anti-hooligan. "Dovrà essere rivisto il Concordato sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive del 2 febbraio 2012", ha spiegato a Ticinonews Norman Gobbi, direttore del Dipartimento delle Istituzioni. "Questo dovrà passare attraverso un'approvazione da parte della Cddgp e dei singoli parlamenti cantonali. L'iter è ancora lungo, ma è frutto di una rottura avvenuta nelle scorse settimane dopo che la Sfl, quando si sono identificate delle misure a cascata condivise con le società sportive, ha voluto rompere il tavolo di discussione, interrompendo così il dialogo e il rapporto di fiducia. La nostra volontà come Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia è quella di continuare a lavorare con il dialogo e la fiducia, restano però fermi sulla nostra posizione per quanto riguarda questo il fenomeno della violenza nello sport, che costa socialmente e finanziariamente alla collettività".

"Vogliamo sapere chi è allo stadio"

L'obiettivo della misura, ha continuato Gobbi, "è sapere chi c'è all'interno dello stadio" perché "con il biglietto nominale in altri paesi si è debellato il fenomeno dell'hooliganismo".