Discriminazione
Polemica a Davos: "Stop al noleggio di attrezzature sportive agli ebrei"
© Shutterstock
© Shutterstock
Redazione
20 giorni fa
Viene segnalato un avviso scritto in ebraico presso la stazione sciistica Pischa di Davos, che impedisce agli ebrei di noleggiare attrezzature sportive a causa di incidenti fastidiosi. La comunità ebraica reagisce indignata, definendo il contenuto discriminatorio e antisemita.

È un post che ha scatenato non poche polemiche quello pubblicato su X dal consigliere comunale di Zurigo Jehuda Spielman, nel quale viene mostrata la fotografia di un avviso scritto in ebraico e posizionato a monte della stazione sciistica Pischa di Davos, la quale "non dovrebbe noleggiare agli ebrei attrezzature sportive come slitte o sci". Il motivo addotto? "Vari incidenti fastidiosi”. Lo riporta 20Minuten. La Federazione svizzera delle comunità israelite (FSCI) ha annunciato che intraprenderà un'azione legale. Dal canto suo, l'ufficio stampa della polizia cantonale dei Grigioni ha spiegato che vi è il sospetto di discriminazione e incitamento all'odio.

L'avviso

“A causa di diversi incidenti molto fastidiosi, tra cui il furto di uno slittino, non noleggiamo più l'attrezzatura sportiva ai nostri fratelli ebrei. Questo vale per tutte le attrezzature sportive come slittini, airboard, sci e racchette da neve.” Ovviamente, la comunità ebraica ha reagito inorridita su X. “Sono senza parole” o “discriminazione incredibile” si legge nei commenti. Secondo Spielman a Pischa dovrebbero esserci anche altri manifesti antiebraici. Una misura che non è stata ben accolta nemmeno dall'Associazione svizzera delle comunità ebraiche. "Il fatto che una lettera del genere sia appesa pubblicamente su una montagna svizzera è scioccante. Il contenuto è altamente discriminatorio e antisemita", ha dichiarato il segretario generale Jonathan Kreutner a 20Minuten, aggiungendo che “anche se l’azienda ha avuto esperienze negative isolate, non c’è motivo di generalizzarle”. L’associazione comunitaria ora vuole esplorare possibili ulteriori passi. Secondo la FSCI, quello segnalato non è un caso isolato a Davos. Ci sono hotel, ristoranti e negozi che non accolgono calorosamente gli ospiti ebrei. "La scorsa estate, l'organizzazione turistica locale ha sospeso la sua collaborazione con noi e il nostro progetto di dialogo", scrive il segretario generale della FSCI. Per la Fondazione contro il razzismo e l'antisemitismo (GRA), l'insegna in ebraico mostra chiaramente che si tratta di "discriminazione mirata". "Questo non è solo un preoccupante atto di esclusione, ma anche una chiara violazione dei principi fondamentali di parità di trattamento e di rispetto, nonché una forma di antisemitismo", scrive la GRA in una nota odierna. Non è la prima volta che si verificano tensioni tra la popolazione locale di Davos e i turisti ebrei ortodossi, osserva la GRA. Alla luce di quest'ultimo incidente, "ci aspettiamo che l'organizzazione turistica di Davos-Klosters prenda una posizione chiara", aggiunge la fondazione.

La reazione del ristorante a monte

Il ristorante di montagna Pischa difende tuttavia il bando su 20 Minuten: “Non vogliamo più il fastidio quotidiano e esercitiamo quindi il nostro diritto di decidere chi può affittare le attrezzature presso il nostro immobile e chi no”. Gli ospiti ebrei lasciavano regolarmente slitte e altre attrezzature sulle piste. "Dobbiamo poi raccogliere nuovamente le slitte, se riescono ancora a trovarle." Inoltre, "gli slittini e gli airboard spesso non vengono affatto restituiti". "Non vogliamo più correre il rischio che uno di questi ospiti prima o poi abbia un incidente grave e ce ne riterremo responsabili", spiegano i responsabili. Se riescono a farlo, gli ospiti dovrebbero adattarsi alle regole e ai costumi svizzeri. “Il fatto che non vogliamo più affittare loro nulla non ha nulla a che fare con la fede, il colore della pelle o le inclinazioni personali, ma solo con il fatto che non abbiamo più voglia di avere queste discussioni e attriti quotidiani”, sottolineano nel loro comunicato. 

Foglio rimosso

I gestori delle funivie di Pischa hanno spiegato che il ristorante è affittato da un esterno. L'azienda montana non è a conoscenza della vicenda né è coinvolta e prende formalmente le distanze dal reato in questione. Questo pomeriggio, in un video pubblicato da Blick.ch, il gestore del ristorante ha commentato la lettera, precisando che non è stata scritta da lui. "È stata sicuramente formulata in modo errato e mi scuso per questo", ha detto. Il foglio è nel frattempo stato rimosso.

Situazione con precedenti

Già l'anno scorso l'amministratore delegato del Davos Tourism Reto Branschi si era arrabbiato per gli ospiti ebrei . "Alcuni di questo gruppo hanno chiaramente difficoltà a rispettare le regole di convivenza qui a Davos", ha detto al "Davoser Zeitung". Si è lamentato degli sprechi in natura e del trattamento irrispettoso. Branschi prende le distanze dal bando e lo definisce mal formulato rispetto a 20 Minuten. "Ciò non rappresenta l'atteggiamento della destinazione e degli operatori turistici della nostra città", chiarisce.