La pandemia è costata 356 milioni ai 5 ospedali universitari
La perdita di proventi da marzo a giugno ammonta a 290 milioni, inoltre sono stati sostenuti costi specifici per il coronavirus per 66 milioni
di Keystone-ATS
La pandemia è costata 356 milioni ai 5 ospedali universitari

Gli ospedali universitari hanno svolto un ruolo centrale nella pandemia del coronavirus. Tuttavia, la maggiore sfida per il sistema sanitario svizzero da decenni ha lasciato profonde tracce economiche. Già oggi i costi delle cliniche universitarie di Basilea, Berna, Ginevra, Losanna e Zurigo non sono coperti dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie, hanno comunicato oggi le strutture.

La crisi del coronavirus ha portato con sé un ulteriore onere. La perdita di proventi di tutti e cinque gli ospedali universitari da marzo a giugno ammonta a 290 milioni di franchi. Inoltre sono stati sostenuti costi specifici per il Covid-19 per 66 milioni di franchi. In totale, la pandemia è costata ai cinque ospedali universitari 356 milioni di franchi.

La Svizzera ha un sistema sanitario esemplare e quindi se l’è cavata relativamente con poco. Gli ospedali universitari hanno un’importanza centrale, ha dichiarato oggi ai media Uwe E. Jocham, presidente del gruppo bernese Insel. Normalmente sono disponibili un totale di 240 posti letto. “Avremmo potuto fornire 549, quasi due volte e mezzo il numero normale”, ha sottolineato Jocham.

Alla quinta settimana dell’epidemia, la capacità di 240 posti letto era già stata raggiunta. Senza la capacità supplementare di posti letto, la Svizzera non avrebbe affrontato così bene la crisi, ha sottolineato.

  • 1