Svizzera
Il vescovo di Coira contro i gay
Huonder si è nuovamente scagliato contro l'omosessualità. Pink Cross: "Non è un uomo di Chiesa, ma un delinquente"
La Redazione

Il vescovo di Coira, Vitus Huonder, si è di nuovo scagliato contro l'omosessualità venerdì durante un dibattito sul matrimonio e la famiglia di un forum di cattolici tedeschi, a Fulda. Ha citato un versetto della Bibbia che condanna gli omosessuali a morte. Durante la conferenza di 50 minuti, visibile sul sito kathube.com, Mons. Huonder, noto per le sue posizione particolarmente conservatrici, ha parlato di divorzio, educazione sessuale, matrimonio. Ha citato due passaggi del Levitico, in particolare quello che afferma: "Non ti coricherai con un uomo come si fa con una donna: è cosa abominevole. Non rendetevi impuri con nessuna di tali pratiche, poiché con tutte queste cose si sono rese impure le nazioni che io sto per scacciare davanti a voi. Chiunque praticherà qualcuna di queste abominazioni, ogni persona che le commetterà, sarà eliminata dal suo popolo". Le dichiarazione hanno provocato l'immediata reazione di Pink Cross, l'organizzazione mantello delle associazioni di lesbiche e gay, che si è detta sciocca e arrabbiata. "Un rappresentante della Chiesa non vive in una zona senza diritto. Chi presenta simili argomenti e afferma indirettamente che gli omosessuali devono essere uccisi, non è un uomo di Chiesa, ma un agitatore e un delinquente", scrive il direttore, Bastian Baumann, sul sito dell'organizzazione esigendo scuse pubbliche.