I temi sul tavolo delle Camere federali
Lotta alla pandemia, sanità, esperimenti sugli animali e cinema. Sono questi i temi caldi dei lavori del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati
Redazione
I temi sul tavolo delle Camere federali
Foto Servizi del Parlamento

Riprendono oggi pomeriggio i lavori alle Camere federali, col Consiglio nazionale (dalle 14.30) che, dopo la tradizionale Ora delle domande, si occuperà del Consuntivo di Stato 2020 e della prima aggiunta al Preventivo 2021.

Il consuntivo della Confederazione si è chiuso con un deficit di 15,8 miliardi di franchi, in gran parte dovuto alla crisi sanitaria. L’impatto della pandemia ammonta a 14,7 miliardi di franchi. Per quel che concerne i crediti aggiuntivi al preventivo di quest’anno, il più importante, per un totale di 2,6 miliardi di franchi, è da destinare essenzialmente alla lotta al coronavirus e, in particolare, alla strategia di depistaggio.

La Camera del popolo discuterà in seguito delle modifiche da apportare alla Legge Covid-19. Si tratta di prorogare sino alla fine del 2021 l’indennità di perdita di guadagno (IPG), che scade a fine giugno, e abrogare il limite massimo fissato per i contributi a fondo perso a favore dello sport di squadra, finora fissato sulla stagione 2020-2021.

Il Consiglio degli Stati (15.15-20.00) inizierà la giornata discutendo l’iniziativa popolare “Per cure infermieristiche forti”. La commissione preparatoria ne raccomanda la bocciatura. A suo parere il controprogetto indiretto adottato dal Parlamento durante la sessione primaverile di marzo fornisce risposte sufficienti alle sfide nel settore delle cure.

I “senatori” si occuperanno poi, a livello di divergenze, della revisione della LAMal volta a limitare i costi sanitari. In marzo la Camera del popolo si è avvicinata alla posizione degli Stati quanto ai forfait nelle cure ambulatoriali ma non sui progetti pilota. La competente commissione della Camera dei cantoni si è ora sostanzialmente allineata allla posizione del Nazionale, pur completandola mediante un rafforzamento dei requisiti di qualità e la promozione della digitalizzazione quali ulteriori obiettivi inerenti ai progetti pilota.

Seguirà il dibattito particolareggiato - l’entrata in materia è già stata decisa giovedì scorso - sul progetto di legge che prevede misure supplementari a sostegno della produzione svizzera di zucchero, soggetta alla forte concorrenza dell’Ue. Il Nazionale lo ha già approvato nella sua sessione speciale di maggio.

Altro tema all’ordine del giorno dei “senatori”: l’iniziativa popolare “Sì al divieto degli esperimenti sugli animali e sugli esseri umani - Sì ad approcci di ricerca che favoriscano la sicurezza e il progresso”. La commissione preparatoria chiede di bocciarla, così come fatto dal Nazionale in marzo.

La proposta di modifica costituzionale, lanciata nel 2017 da un gruppo di cittadini sangallesi e sostenuta da oltre 80 organizzazioni, viene ritenuta eccessiva. La sua attuazione avrebbe conseguenze negative per la salute, l’economia e la comunità di ricerca svizzera.

La camera affronterà poi la revisione della legge sul cinema, e le misure in essa contenute volte a incentivare gli investimenti diretti a favore delle produzioni indipendenti. Le imprese interessate dovrebbero investire almeno il 4% cento dei proventi lordi in questo settore, il Nazionale auspica una riduzione di tale tasso all’1%.

  • 1