Fine pandemia entro l’estate 2022?
È quanto ipotizzato dall’infettivologo zurighese Huldrych Günthard, ma solo a determinate condizioni. Rimane comunque la questione del tasso di vaccinazione nel mondo
di Keystone-ATS/Lars
Fine pandemia entro l’estate 2022?
Immagine CdT

La pandemia di Covid-19 dovrebbe essere terminata entro l’estate del prossimo anno. Lo ritiene l’infettivologo zurighese Huldrych Günthard. Ma a determinate condizioni. Secondo il professore zurighese, occorrono più persone vaccinate e i non vaccinati devono essere infettati dal virus. Inoltre, nessuna nuova variante resistente ai vaccini esistenti deve fare la sua apparizione, precisa Günthard in un’intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung. L’infettivologo sottolinea che la sua tesi non vale per il mondo intero, ma unicamente per i Paesi che dispongono di un vaccino.

Un’altra montagna da scalare?

Dal canto suo, la responsabile scientifica dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la dottoressa Soumya Swaminathan si mostra meno ottimista sul SonntagsBlick. A suo avviso, presto sarà ultimato il 60% del cammino. “Ma non si può escludere che vi sia un’altra montagna inattesa da scalare”, aggiunge.

Aumentare il tasso di vaccinazione nel mondo

In talune parti del mondo, una percentuale elevata della popolazione è vaccinata, ovvero tra il 70% e l’80%, sottolinea la dottoressa. In altri Paesi, come in Africa, meno del 4% della popolazione è interamente vaccinata. “Più a lungo l’umanità tollera questa situazione, più grande è il rischio che appaiano nuove varianti”. L’OMS chiede che tutte le dosi disponibili vengano utilizzate per aumentare il tasso di vaccinazione nel mondo. Soltanto dopo questa scadenza si potrà considerare la somministrazione della terza dose del vaccino, rileva Swaminathan.

  • 1