Alleanza del Centro, oggi si decide su matrimonio per tutti, 99% e Covid
I delegati si riuniscono oggi a Zurigo in assemblea, si esprimeranno su cinque oggetti in votazione federale i prossimi 26 settembre e 28 novembre.
di Keystone-ATS/Redazione
Alleanza del Centro, oggi si decide su matrimonio per tutti, 99% e Covid
fotogonnella

I delegati dell’Alleanza del Centro sono riuniti oggi a Zugo in un’assemblea che si esprimerà su cinque oggetti in votazione federale i prossimi 26 settembre e 28 novembre.

Per il primo incontro in presenza degli ex membri di PPD e PBD ora fusi in un unico partito, i delegati devono presentare un certificato Covid o un test negativo, al fine di permettere alle persone di discutere senza dover indossare una maschera igienica.

Dopo il discorso di apertura del presidente del partito Gerhard Pfister, i centristi si esprimeranno dapprima sulla cosiddetta iniziativa «99%» dei giovani socialisti, in votazione il 26 settembre. Il testo, che mira ad «alleggerire i dipendenti» e a «tassare equamente il capitale», secondo i suoi promotori, difficilmente convincerà i delegati. Il 54% della base del partito è contrario, così come il suo gruppo parlamentare alle Camere federali.

Il progetto di legge «Matrimonio per tutti», che sarà pure sottoposto a votazione federale il 26 settembre, ha molte più possibilità di ottenere il sostegno dell’Alleanza del centro. Il 63% dei suoi elettori lo approva, secondo un sondaggio. Tuttavia, alcuni politici dell’ex Partito Popolare Democratico sono coinvolti nella campagna per il «no» all’apertura del matrimonio alle coppie dello stesso sesso.

I delegati si esprimeranno anche sulle questioni al vaglio delleurne in novembre, ossia la modifica della legge sul Covid-19, l’iniziativa «per cure infermieristiche forti» e quella «per la designazione dei giudici federali mediante sorteggio».

  • 1