Euro 2020: il Viminale rafforza i controlli
La partita tra Inghilterra e Ucraina potrebbe portare a Roma migliaia di tifosi. La quarantena? “Verrà fatta rispettare alla lettera”
di Keystone-ATS/MMINO
Euro 2020: il Viminale rafforza i controlli
Foto Shutterstock

Potenziamento dei controlli agli aeroporti, alle stazioni e anche sulle principali arterie autostradali italiane. Il Viminale, secondo quanto si apprende, sta lavorando ad un piano per rafforzare le verifiche in vista del quarto di finale degli Europei tra Inghilterra e Ucraina, che potrebbe portare sabato a Roma migliaia di tifosi.

L’ordinanza che prevede l’obbligo di tampone e la quarantena di 5 giorni per tutti coloro che arrivano dalla Gran Bretagna, fanno inoltre notare fonti qualificate, “verrà fatta rispettare alla lettera” e “non saranno concesse deroghe”. Dal canto suo il direttore dello Spallanzani Francesco Vaia, che in veste di medico consulente della Federazione italiana gioco calcio ha promosso e sottoscritto protocolli per la riapertura del campionato di calcio e per gli Europei a Roma, ha dichiarato: “la finale a Londra in quelle condizioni di contagio e con così tanti spettatori può essere un rischio che non possiamo premetterci”.

“Non sto dicendo che subito dopo ci sarà la catastrofe - sottolinea Vaia -. Questa sarebbe una probabilità in presenza di atteggiamenti sconsiderati. Meglio tenersi la certezza di non provocare maggiori contagi con comportamenti corretti ed adeguati. Si ascolti la saggezza e la prudenza del presidente Draghi”.

  • 1