Raoul Ghisletta
Risolvere i problemi del settore sociosanitario e socioeducativo
un mese fa
Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione. La redazione si riserva la facoltà di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il Sindacato VPOD Ticino è in prima fila per trovare la soluzione agli annosi problemi, che affliggono il personale sociosanitario e socioeducativo. Lo scorso 20 ottobre il Sindacato del persone dei servizi pubblici e sociosanitari VPOD Ticino ha lanciato l’iniziativa popolare “Per cure sociosanitarie e prestazioni socioeducative di qualità”, che risponde al disagio esistente da tempo nel settore sociosanitario e nel settore socioeducativo, disagio acutizzato dalla pandemia e dall’inerzia della politica.

Il tema centrale dell’iniziativa popolare “Per cure sociosanitarie e prestazioni socioeducative di qualità” è costituito dalle proposte scaturite dai comitati sociosanitari e socioeducativi VPOD per risolvere il disagio esistente sui posti di lavoro. Innanzi tutto si chiede una definizione trasparente del fabbisogno di personale nei vari ambiti sociosanitari e socioeducativi, coinvolgendo le associazioni dei professionisti. Il calcolo del finanziamento pubblico deve essere inoltre fatto sui salari effettivi, per eliminare le penalizzazioni che colpiscono le strutture con personale al massimo della carriera. Il riconoscimento del tempo di lavoro per i picchetti in sede, chiesto dall’iniziativa, serve ad eliminare la lacuna della legge federale sul lavoro presente per il settore socioeducativo. Viene proposto anche un sistema di calcolo delle indennità festive e notturne, che sono fondamentali per dare il necessario riconoscimento al disagio sopportato dal personale. Infine il tempo di lavoro, la compensazione delle ore straordinarie, le vacanze, i congedi e le condizioni pensionistiche devono essere uniformati perlomeno a quelle del contratto collettivo di lavoro dell’Ente ospedaliero cantonale, per garantire buone condizioni di lavoro a tutto il personale attivo nei vari ambiti, evitando il perdurare di situazioni penalizzanti in certi settori.

L’iniziativa popolare “Per cure sociosanitarie e prestazioni socioeducative di qualità” contiene pure importanti normative per garantire i diritti di pazienti e utenti, per ottenere la pubblicazione delle valutazioni della qualità struttura per struttura, per creare organi di mediazione indipendenti per i pazienti, gli utenti ed il personale, come pure per definire una pianificazione cantonale di tutti i settori con la garanzia di un’alta vigilanza parlamentare.

 

Raoul Ghisletta, granconsigliere e segretario VPOD Ticino

I tag di questo articolo