René Grossi - Perché mi candido a sindaco di Gordola
René Grossi - Perché mi candido a sindaco di Gordola
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Ho deciso di scendere in campo e presentare la mia candidatura alla carica di Sindaco dopo aver ascoltato la popolazione e i cittadini di Gordola, che con il loro sostegno mi hanno invitato a farlo. È una decisione coraggiosa, di responsabilità non indifferente; per questo motivo ne ho dapprima discusso approfonditamente con la mia famiglia, la quale mi sostiene appieno, e in seguito ho comunicato la mia disponibilità al partito (PPD).

Il ruolo di Sindaco è istituzionale, e la persona che lo ricopre dev’essere capace di trovare il giusto confronto con i colleghi, per poter gestire in modo trasparente ed equo i contatti con l’Amministrazione, i dipendenti e i cittadini. Sono un artigiano che lavora con passione e concretezza. Posso rappresentare la popolazione del mio Comune con coraggio e capacità di ascolto, grazie anche alla mia apertura al dialogo schietto e alla mia reperibilità.

La mia candidatura non vuole essere una candidatura contro l’attuale Sindaco. Essa è da leggere come una proposta a favore della democrazia, voglio dare la possibilità alla popolazione di Gordola (che mi ha onorato di tanti voti) di poter scegliere chi la rappresenterà nel collegio municipale. Da buon sportivo - per me il fair play è importante - accetterò qualsiasi risultato, perché non ci sono sconfitti quando si può esprimere la volontà popolare.

Nelle mie prerogative per la guida del Comune figura un maggiore ascolto e una maggiore sensibilità nei confronti del cittadino come pure una rinnovata progettualità per il nostro Comune.

Nei prossimi mesi a Gordola bisognerà portare in cantiere diverse opere. Per questo lavorerò con convinzione, valorizzando anche le competenze dei miei colleghi di Municipio, i quali – in qualità di capi dicastero – avranno la prima responsabilità dei vari dossier da realizzare insieme, queste 3 settimane non ritarderanno nessun progetto ma anzi si darà un taglio chiaro con il passato. La larga maggioranza dell’Esecutivo mi sostiene. Io ci credo e dopo cinque ricchi anni di presenza in Municipio mi candido a rappresentante di Gordola con fiducia e convinzione.”

René Grossi

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1