Lega-Udc di Bellinzona - La quadratura del cerchio: direttore dicastero opere pubbliche prossimo al trasferimento interno
Lega-Udc di Bellinzona - La quadratura del cerchio: direttore dicastero opere pubbliche prossimo al trasferimento interno
Foto CdT/Fiorenzo Maffi
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il segreto di pulcinella sarà svelato nella prossima seduta di Municipio oppure, letto questo scritto, ci sarà qualche ripensamento? Non resta che attendere.

In ogni caso, appare ormai certo il salvataggio del direttore del Dicastero opere pubbliche, sospeso con stipendio pieno da nove mesi per la nota vicenda del sorpasso di spesa di 5 milioni di franchi su tre cantieri cittadini.

Il Municipio ha quindi propeso per il reintegro dell’alto funzionario al suo allontanamento. Una scelta (o forse meglio un cambiamento di rotta), quella del sindaco e dei municipali PLR e PS che non sorprende più di tanto nell’imminenza della campagna elettorale per le elezioni comunali di aprile.

L’operazione “salvataggio PLR” con il pieno sostegno del PS può così dirsi conclusa: crediti suppletori votati con arroganza e all’unanimità da PLR e PS senza neppure attendere i risultati degli approfondimenti e degli audit richiesti, municipale PLR (pare non abiti più a Bellinzona da tempo ...) delegittimato ma lasciato tranquillo a pieno onorario fino al termine della legislatura per non nuocere ai piani strategici del suo partito e infine il direttore PLR del Dicastero opere pubbliche (ovviamente dopo il voto dei crediti suppletori) confermato nell’organico cittadino per non dover affrontare e combattere le ire del suo capace avvocato in un momento inopportuno.

Il direttore del Dicastero resterà quindi "in sella" in un ruolo certamente più defilato. Il classico “cimitero degli elefanti”, lautamente pagati per non dare fastidio. Del resto di questo trasferimento non si saprà mai nulla invocando la privacy e non certamente la trasparenza e la chiarezza tanto cara al sindaco.

Per il PLR si tratta di un nuovo salvataggio, secondo l’adagio che “un esponente PLR non verrà mai lasciato cadere a terra”: in Città casi eccellenti lo testimoniano.

Da parte nostra, ricordiamo che la vicenda dei sorpassi costerà ai cittadini 5 milioni e mezzo nel complesso: 5 milioni di sorpasso, oltre 150'000.- di audit, verosimilmente un anno di onorario del municipale “locarnese” autosospeso e un anno di onorario del direttore del Dicastero opere pubbliche sospeso dal Municipio. E tutto ciò senza neppure sapere chi ringraziare per il danno economico e di immagine causato alla Città.

Quasi tutti i documenti sono inaccessibile pure alle commissioni comunali, gli allegati spesso assenti e del materiale neppure consultabile. In questo contesto tutto lascia presagire che ci siano fatti (o forse anche persone) da nascondere rispettivamente tutelare. Difficile credere il contrario vedendo gli sforzi messi in campo per tenere le persone lontane dalle informazioni.

... E poi dicono anche di "essere allibiti": certamente lo sono i cittadini di Bellinzona di fronte a questo nuovo atto di prepotenza.

Sezioni Lega dei Ticinesi - UDC, Bellinzona

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1