Graziano Pestoni - No ad un duplice attacco il 15 maggio
Graziano Pestoni - No ad un duplice attacco il 15 maggio
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

L’Associazione per la difesa del servizio pubblico (ASP) è molto preoccupata. Il decreto cantonale in votazione il 15 maggio, che vuole fissare un limite di spesa, costituisce infatti un duplice attacco.

Innanzi tutto è un attacco al servizio pubblico. Se questa proposta fosse accolta tutto il servizio pubblico sarebbe in difficoltà: EOC, Organizzazione sociopsichiatrica cantonale, scuola, servizi sociali e amministrativi, case per anziani, istituti per minori, trasporti pubblici. Impedirebbe contributi sempre più indispensabili per ridurre i premi della casse malati, per promuovere le cure dentarie o ancora interventi a favore dell’economia e dell’occupazione.

In secondo luogo è un attacco alla democrazia. Esso impedirebbe al parlamento di svolgere il proprio lavoro, definito in modo chiaro e trasparente dalla nostra costituzione. Infatti, i rappresentanti del popolo, anche se lo volessero, non potrebbero più accettare nuovi compiti e nuovi interventi anche se giudicati importanti e magari pure urgenti.

I promotori di questa proposta dimenticano che i cittadini, nel nostro ordinamento giuridico, dispongono già, e da lungo tempo, di due preziosi strumenti per controllare le decisioni parlamentari o per proporre nuove disposizioni: i diritti di referendum e di iniziativa popolare.

L’ASP confida pertanto che il 15 maggio la popolazione respinga questi modi estranei alla nostra tradizione e alle nostre istituzioni, inutili e controproducenti, portatori solo di burocrazia. Le nostre istituzioni non necessitano di altri strumenti e tantomeno di museruole che impedirebbero il loro corretto lo svolgimento.

Graziano Pestoni, presidente ASP

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1