Giorgio Piona - Esercito, la Svizzera lo vuole e Dio è d’accordo
Giorgio Piona - Esercito, la Svizzera lo vuole e Dio è d’accordo
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il 23 febbraio in Russia si celebra la Giornata del Difensore della Patria.

L'anniversario del 23 febbraio ricorda originariamente il giorno in cui, nel 1918, iniziarono gli arruolamenti volontari nell'Armata Rossa. Istituito come Giorno dell'Armata Rossa, fu trasformato durante gli anni in Giorno dell'Armata Sovietica, per poi assumere – dopo la caduta dell'Unione - il nome odierno.

La data del 23 febbraio è legata a un evento importante: in questo giorno l'Armata Rossa ha ottenuto una grande vittoria sulle truppe tedesche vicino a Pskov e Narva.

La festa venne ufficialmente sancita il 23 febbraio 1922, come data di fondazione dell'Armata Rossa, con una parata sulla Piazza Rossa e fino al 1946 venne festeggiata come "Giornata dell'Armata Rossa". Nel 1995 il 23 febbraio è stato proclamato ufficialmente "Giornata dei difensori della patria" e dal 2002 è un giorno festivo a tutti gli effetti. La festa celebra il mito dell'uomo, padre e soldato.

Alle nostre latitudini i progressisti nostrani, unitamente ai verdi anguria con la complicità degli abolizionisti (GSsE) – improvvisati esperti di aeronautica militare – stanno giocherellando pretestuosamente sulla scelta del Consiglio Federale caduta sull’ apparecchio F35A di fabbricazione statunitense. Infatti i compagni gradirebbero l’opzione di utilizzare aerei più leggeri, meno costosi (Leonardo), che comunque non sarebbero stati efficaci per la funzione voluta.

Ecco arrivati i super periti aeronautici. Dove ha studiato e che qualifiche ha la signora Laura Riget per parlare di aerei da caccia. Un pretesto davvero grande come una casa per chi ha l’obiettivo di cancellare l’esercito e il sistema di difesa.

Abbiamo votato sull’acquisto degli aerei, e come popolo abbiamo detto sì. Oggi dobbiamo rivotare sul modello, partendo dal presupposto che la popolazione abbia una competenza maggiore rispetto agli esperti che hanno valutato questo come il modello migliori per le esigenze del paese. Se dovesse passare il sì, al prossimo giro ci sarebbe un referendum sul colore ? Ridicolo ! E questa iniziativa insulsa quanto costerà ai contribuenti ?

Il piano, fetta dopo fetta, è lì da vedere !

Gli aerei da combattimento e la difesa terra-aria sono necessari in tutte le situazioni in cui occorre proteggere e difendere la nostra patria, la sua popolazione e le infrastrutture critiche. Inoltre i compiti dell’esercito sono definiti all’articolo 58 della Costituzione federale e all’articolo 1 della legge militare. A partire da tali basi legali sono definiti anche i compiti assunti dalle forze aeree nell’ambito dell’impiego di aerei da combattimento e della difesa terra.aria.

Diamo un segnale forte e convinto NON firmando il referendum.

Giorgio Piona

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1