Damiano Vignuta - Un chiaro si per le scuole al Burio
Damiano Vignuta - Un chiaro si per le scuole al Burio
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Gordola si trova di fronte ad un bivio importante. Il risanamento delle scuole al Burio è un tema che scalda gli animi politici da ormai troppi anni: ora é giunto il momento della concretezza. Come Sindaco ho osservato con una certa preoccupazione il dibattito politico e ritengo importante dare alcuni elementi oggettivi.

I vari Esecutivi che si sono succeduti hanno a più riprese valutato i vari scenari e hanno poi sempre deciso di proseguire l’iter del risanamento delle attuali strutture scolastiche, scartando l’ipotesi di una costruzione nuova. Oggi non esiste quindi nessun progetto per una nuova scuola e neppure un terreno ritenuto idoneo per edificarla. Si tratterebbe di ricominciare tutto daccapo, senza certezza di arrivare ad un risultato.

L’attuale sede offre spazi didattici adeguati e non presenta particolari carenze, né dal profilo strutturale né da quello educativo. Abbiamo l’opportunità di procedere in tempi brevi ad un risanamento completo, che sarà in tutto e per tutto simile ad una nuova costruzione.

Durante la fase di cantiere è nostro impegno ridurre al minimo i disagi e tenere sotto controllo i costi. Avremo un occhio di riguardo per il tema dell’accessibilità ai disabili. La presenza di amianto è conosciuta dal 2006 (anno della prima perizia) e il progetto contempla lo smaltimento dello stesso in tutta sicurezza.

Per quanto riguarda i costi le premesse lasciano ben sperare: per il blocco palestra/spogliatoi disponiamo già della licenza edilizia e le delibere sono di oltre Fr. 600’000 inferiori ai crediti votati.

L’alternativa a tutto questo è un solo grosso punto interrogativo: non sappiamo dove edificare, non abbiamo avviato nessuna procedura, non abbiamo nessuna idea di quali potrebbero essere i costi finali. E nel frattempo dovremmo comunque intervenire con una manutenzione straordinaria, con costi milionari e disagi importanti.

Ho appreso con piacere della nascita di un gruppo di sostegno al risanamento con personalità di ogni estrazione politica e professionale, anche nel campo architettonico e ingegneristico, nascita che conferma la bontà delle scelte fatte.

Gordola può permettersi, anche dal profilo finanziario, di investire per la sua scuola. Non possiamo invece permetterci di fare un salto nel vuoto, avventurandoci lungo una strada sulla quale troveremo innumerevoli ostacoli e infinite discussioni. Care e cari gordolesi, avete l’occasione di dare avvio in breve tempo ad un’opera tanto attesa: votiamo SI due volte il prossimo 7 marzo, per il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti!

Damiano Vignuta, Sindaco di Gordola

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1