Spazio
Scoperta una "stella zombie" che emette bagliori dopo l'esplosione, astronomi senza parole
© CdT/Archivio
© CdT/Archivio
Keystone-ats
25 giorni fa
Il corpo celeste è stato scoperto da un grande gruppo internazionale di ricercatori. "Non avevamo mai visto nulla di simile prima", ha affermato l'esperta che ha guidato gli studi.

Come se fosse uno zombie, ciò che resta di una stella dopo la gigantesca esplosione che ha segnato la sua fine continua a emettere bagliori intermittenti e luminosissimi: un fenomeno mai visto prima, che ha lasciato gli astronomi senza parole. La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature e che si è avvalsa delle osservazioni svolte da 15 telescopi di tutto il mondo, si deve ad un grande gruppo internazionale di ricercatori guidato della statunitense Cornell University.

"Non avevamo mai visto nulla di simile"

Il misterioso fenomeno risulta doppiamente interessante poiché la sua sorgente è stata vittima di un rarissimo e potente cataclisma stellare, noto come 'transiente ottico blu veloce', un fenomeno simile all'esplosione di una supernova, ma concentrato in un arco di tempo molto più ristretto, la cui natura è ancora in buona parte sconosciuta. Monitorando quella regione di cielo, i ricercatori guidati da Anna Ho hanno individuato lampi luminosi nelle immagini ottenute dal telescopio Zwicky Transient Facility, situato in California, nei mesi seguenti l'esplosione stellare. "Nessuno sapeva veramente cosa dire", osserva Ho: "Non avevamo mai visto nulla di simile prima, qualcosa di così veloce e con la stessa intensa luminosità dell'esplosione originale". Tutti gli elementi portano all'ipotesi che il responsabile deve essere una sorta di stella-zombie, formata da un buco nero o da una stella di neutroni: "pensiamo che nient'altro possa produrre questo tipo di impulsi", dice Ho.

Gli approfondimenti

Per cercare di capire qualcosa di più dello strano fenomeno, gli autori dello studio hanno coinvolto osservatori e telescopi di tutto il mondo. L'analisi ha alla fine confermato almeno 14 impulsi luminosi irregolari avvenuti nell'arco di 120 giorni, probabilmente solo una frazione del numero totale. "Sorprendentemente, invece di svanire in modo costante come ci si aspetterebbe, la fonte continua a riattivarsi", dice Ho. "I transienti ottici blu veloci sono già eventi strani ed esotici, quindi questo fenomeno rende tutto ancora più misterioso".