Un nuovo test scopre quando si è stati contagiati
La nuova scoperta australiana consente di identificare i contagi recenti di Covid-19. Sarà un valido contributo al contact tracing
di Keystone-ATS
Un nuovo test scopre quando si è stati contagiati

Scienziati australiani hanno sviluppato, per primi al mondo, una rapida analisi del sangue per il Covid-19 che può identificare casi positivi recenti in meno di 20 minuti.

Il test messo a punto da ricercatori dell’Università Monash di Melbourne opera sulla tipizzazione dei gruppi sanguigni, e promette di offrire uno strumento cruciale nel tracciamento sociale e nell’investigare l’efficacia di potenziali vaccini.

L’equipe di studiosi è alla ricerca di un partner commerciale, con l’obiettivo di rendere disponibile il test fra circa sei mesi.

A differenza del tampone, che indica se la persona è correntemente positiva al virus, l’analisi del sangue potrà essere usata per identificare accuratamente se la persona è stata contagiata di recente.

“Questi test saranno molto utili nel rintracciare dove il virus è stato attivo di recente nella comunità. Sarà di aiuto nel tracciamento dei contatti e nella sorveglianza nella comunità”, ha detto il responsabile del progetto Simon Corrie, del dipartimento di ingegneria chimica dell’università stessa. La procedura ha inoltre il potenziale di essere immediatamente raffinata per test sierologici, ha aggiunto.

Poiché il nuovo test ha differenze minime con una classica analisi del sangue, gli studiosi ne prevedono l’uso nella lotta globale contro il virus, specie nel verificare l’efficacia di potenziali vaccini. Visto che opera sulla tipizzazione dei gruppi sanguigni comunemente usata attorno al mondo e già prodotta su scala, può essere reso disponibile in breve tempo, afferma Corrie.

  • 1