“Impegnati per lavorare contro le varianti”
La Commissione europea acquisterà 150milioni di dosi aggiuntive del vaccino di Moderna. “Siamo impegnati a lavorare per rendere disponibili boost di vaccini per le varianti”
di Keystone-ATS/MMINO
“Impegnati per lavorare contro le varianti”
Foto Moderna

“La Commissione Europea sta dialogando con noi su come prepararci al 2022, anche per far fronte a potenziali varianti, e la Commissione ha un’opzione per ulteriori 150 milioni di dosi da consegnare nel 2022. Moderna è impegnata a lavorare incessantemente per rendere disponibili boost dei vaccini per le varianti rilevanti per affrontare questa pandemia”. Lo afferma Stéphane Bancel, CEO di Moderna, in merito alla decisione della Commissione Europea di acquistare 150 milioni di dosi aggiuntive del COVID-19 Vaccine Moderna.

Dal canto suo, il commissario all’industria Ue Thierry Breton ha dichiarato ch “la capacità di produzione del giusto numero di dosi di vaccino AstraZeneca” nel sito di Seneffe in Belgio “sta drasticamente aumentando, un miglioramento di circa il 50%” e “per questo siamo più fiduciosi che AstraZeneca stia recuperando il ritardo accumulato”. “C’è anche un’altra fabbrica ad Anagni in Italia”, che sta collaborando, ha ricordato Breton. “Credetemi, gli sto addosso tutti i giorni” e “la buona notizia è che ho visto molti progressi”, ha concluso. Sui vaccini si è espressa oggi anche la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen: “Sputnik non ha chiesto l’autorizzazione a Ema finora. Se lo faranno, devono presentare tutti i dati e sottoporsi allo scrutinio come gli altri”. Inoltre, ha aggiunto, non producono in Ue, quindi certamente ci deve essere un’ispezione ai siti di produzione, perché dobbiamo avere standard di produzione stabili”.

“Ma ancora ci chiediamo come mai la Russia offra milioni di dosi quando ancora non vaccina tutta la sua popolazione, questo dovrà trovare risposta”, ha detto von der Leyen. A suo avviso, “c’è zero garanzia” sui vaccini che vengono offerti al di fuori del quadro di acquisto europeo, “è estremamente rischioso, non sai che percorso ha fatto, se la catena del freddo è stata rispettata, se compri sul mercato nero ti prendi il rischio che potrebbe essere una sostanza diversa. C’è un rischio enorme a non seguire il quadro” europeo di distribuzione, ha aggiunto von der Leyen, rispondendo a chi le chiedeva un commento alle offerte di vaccini ricevute da alcune regioni italiane.

  • 1