“Valori obsoleti”: il bollino di Sky per i film controversi
Tra le pellicole bollate anche “Aladdin”, “Il Libro della Giungla”, “Una poltrona per due” e “Colazione da Tiffany”
di MJ
“Valori obsoleti”: il bollino di Sky per i film controversi
Il personaggio di Mr. Yunioshi in colazione da Tiffany (1961), interpretato da Jerry Lewis, ritenuto una caricatura di cattivo gusto della popolazione giapponese (immagine Youtube)
“Valori obsoleti”: il bollino di Sky per i film controversi
In Lone Ranger (2013), Johnny Depp veste i panni di un personaggio nativo americano pur senza appartenere a quest’etnia. L’attore si è sempre difeso affermando che intendeva ripulire il ritratto negativo dei nativi americani dipinto in passato da Hollywood. (immagine Youtube)
“Valori obsoleti”: il bollino di Sky per i film controversi
Nel film disney “Il Libro della Giungla” (1967) ad essere sotto attacco è il personaggio di Re Luigi, un orango non presente nel romanzo originale di Kipling, che rappresenterebbe un ritratto sterotipato degli afroamericani. (immagine Youtube)
“Valori obsoleti”: il bollino di Sky per i film controversi
Lawrence d’Arabia (1962) è criticato per gli “stereotipi razziali” e per il fatto che il film rappresenterebbe i popoli arabi come bisognosi di una guida occidentale. (immagine Youtube)
“Valori obsoleti”: il bollino di Sky per i film controversi
Secondo i critici, il personaggio di Data nei Goonies (1985) parla con un accento asiatico sterotipato. (immagine Youtube)
“Valori obsoleti”: il bollino di Sky per i film controversi
L’Ultimo Samurai, 2003. Tom Cruise è un ex ufficiale dell’esercito americano che si unisce alla ribellione dei samurai nel Giappone dell’XIX secolo. Il film è oggetto di critiche in quanto rappresenterebbe gli americani come “superiori” rispetto ai giapponesi. (immagine Youtube)
“Valori obsoleti”: il bollino di Sky per i film controversi
Dumbo, 1941: particolarmente criticato il ritratto dei corvi che aiutano l’elefantino a imparare a volare, in quanto esibiscono un accento sterotipicamente afroamericano, senza essere peraltro sempre doppiati da persone di colore. (immagine Youtube)

Anche Sky Cinema UK segue l’onda delle proteste, che avevano già portato alla sospensione di “Via col Vento” da parte di HBO in attesa di una maggiore contestualizzazione storica. L’azienda prevede di inserire un bollino per i film in offerta che rappresentano “valori obsoleti”, “outdated values” appunto, con particolare riferimento agli stereotipi razzisti o sessisti. Nella lista rientrano titoli più vecchi, come “Colazione da Tiffany” e “Lawrence d’Arabia”, ma anche più recenti come “L’Ultimo samurai”, “Lone Ranger”, “Una poltrona per due”, e “Aliens”. I motivi sono disparati: in “Aliens” l’avvertenza è stata inserita in quanto un personaggio di origini ispaniche è rappresentato da un’attrice bianca, mentre nel caso di “Una poltrona per due” ad essere sotto accusa è invece la “blackface” (ovvero la faccia colorata di nero, stereotipica di una persona di colore) portata da Dan Akroyd in una scena, come “i costanti stereotipi afroamericani e l’uso ripetuto della parola ‘nigger’” (riporta il Daily Mail).

Nel mirino molti cartoni Disney
Molti i film Disney “bollati”, seguendo a una controversia che infuria da tempo negli Stati Uniti: secondo diversi critici infatti “Aladdin” fornirebbe una visione stereotipata delle culture mediorientali, mentre altri sono accusati di rappresentare stereotipi afroamericani al limite del razzismo, dalle scimmie del “Libro della Giungla” ai corvi di “Dumbo”. Potete trovare una selezione più completa dei film nella nostra gallery, con i motivi per cui non vengono più ritenuti in linea con i valori attuali.

La posizione di Sky
Contattato dal Daily Mail, un portavoce di Sky ha spiegato che essa “si impegna a sostenere l’antirazzismo e a migliorare la diversità e l’inclusione sia sullo schermo che fuori dallo schermo”. Inoltre, ha aggiunto: ”Esaminiamo costantemente tutti i contenuti dei canali di proprietà di Sky e, se necessario, adottiamo misure che includono l’aggiunta di informazioni aggiuntive per i nostri clienti, per consentire loro di prendere una decisione informata al momento di decidere quali film e programmi televisivi guardare”.

  • 1