Innovazione
Apple trasformerà gli AirPods Pro in dispositivi acustici
© Shutterstock
© Shutterstock
Keystone-ats
un mese fa
La grande novità sarà in un aggiornamento software dell'iPhone che trasformerà gli AirPods Pro, la cui seconda generazione risale al settembre del 2022, in apparecchi acustici utili a migliorare l'utilizzo per chi ha disabilità uditive.

Quest'anno, Apple non dovrebbe lanciare nessun nuovo modello di AirPods, il nome con cui sono conosciuti i suoi auricolari wireless. La grande novità sarà in un aggiornamento software dell'iPhone che trasformerà gli AirPods Pro, la cui seconda generazione risale al settembre del 2022, in apparecchi acustici utili a migliorare l'utilizzo per chi ha disabilità uditive. Lo rivela Mark Gurman, giornalista di Bloomberg, nella sua ultima newsletter dedicata al mondo della Mela. Seppur in mancanza di dettagli specifici, Gurman riferisce che il colosso, anche grazie alla possibilità fornita dall'ente americano Fda di vendere determinate categorie di apparecchi acustici senza prescrizione medica, introdurrà funzioni per analizzare la salute dell'udito e per migliorare l'ascolto della voce durante alcune situazioni, ad esempio nel traffico cittadino.

Le funzionalità

Gli AirPods offrono già diverse funzionalità di accessibilità. Nel 2018, Apple ha introdotto una funzione di ascolto dal vivo con iOS 12, che trasforma l'iPhone in un microfono direzionale, trasmettendo tutto ciò che sente agli AirPods in tempo reale. Nel 2021, l'azienda ha aggiunto una funzionalità che amplifica il microfono in modo che gli utenti possano sentire meglio la voce delle persone che stanno parlando con loro, faccia a faccia. Si tratta, per Gurman, di opzioni paragonabili a quelle presenti su dispositivi medici dedicati. Nel 2022, la Food and Drug Administration ha rilasciato nuove linee guida e creato una nuova categoria di apparecchi acustici, nella quale rientrerebbero gli auricolari, che possono essere acquistati senza prescrizione medica. Tali apparecchi vengono venduti direttamente ai consumatori, anche in assenza di un parere da parte di uno specialista.