Libia
Le ONG lanciano l'allarme: "Dopo le inondazioni c'è un rischio crescente di epidemie"
screenshot video
screenshot video
Keystone-ats
9 mesi fa
Il rischio, hanno spiegato le Organizzazioni, arriva "dalla possibile trasmissione di malattie attraverso l'acqua contaminata".

Le organizzazioni umanitarie lanciano l'allarme per il crescente rischio di diffusione di malattie dopo che le inondazioni hanno causato migliaia di morti e dispersi nella Libia orientale, dove le speranze di trovare sopravvissuti si sono ormai affievolite a sei giorni dal disastro.

Acqua contaminata

Le organizzazioni umanitarie come Islamic Relief e Medici senza frontiere (Msf) hanno messo in guardia dal rischio di diffusione di malattie attraverso l'acqua contaminata. Molte persone sono state travolte dal Mar Mediterraneo, che ha portato alla luce decine di cadaveri in decomposizione. Islamic Relief ha lanciato l'allarme contro una "seconda crisi umanitaria" dopo l'alluvione, sottolineando il "rischio crescente di malattie trasmesse dall'acqua e di carenza di cibo, ripari e medicine". "Migliaia di persone non hanno un posto dove dormire e non hanno cibo", ha detto Salah Aboulgasem, vicedirettore per lo sviluppo dei partner dell'organizzazione.

La situazione sul posto

Manoelle Carton, coordinatrice medica di un'équipe di Msf arrivata a Derna giovedì, descrive una situazione "caotica" che ha impedito il regolare svolgimento del censimento e dell'identificazione delle vittime. "Molti volontari da tutta la Libia e dall'estero sono sul posto. Il coordinamento degli aiuti è urgente", ha insistito.