In servizio i primi cani anti-Covid all’aeroporto di Miami
È il primo scalo negli USA a impiegare gli animali, che annuseranno le mascherine dei dipendenti che passano attraverso un checkpoint per rintracciare la presenza del virus
di Keystone-ats-ls
In servizio i primi cani anti-Covid all’aeroporto di Miami
Immagine Miami International Airport

I primi due cani addestrati a riconoscere il Covid sono entrati in servizio all’aeroporto di Miami. Come spiegano i media Usa, si tratta di un programma pilota presso uno degli scali più trafficati degli Usa, e il primo ad impiegare i cani nella battaglia contro il virus.

Secondo uno studio della Florida International University, i cani possono individuare la presenza del Covid con un tasso di accuratezza che va dal 96% al 99%. Il tasso di precisione di Cobra, una femmina di Malinois belga, è stato del 99,4%, e quello di One Betta, un pastore olandese, del 98,1%.

Cobra e One Betta annuseranno le mascherine dei dipendenti che passano attraverso un checkpoint per rilevare la presenza del virus nel sudore, nel respiro e negli odori dovuti ai cambiamenti metabolici che il Covid provoca nel corpo umano: se i cani segnalano l’odore del virus, a quell’individuo verrà chiesto di fare immediatamente un test rapido.

  • 1