Donne e asiatici meno protetti dalle mascherine
La loro forma del viso mal si adatta alle protezioni facciali, con riduzione della loro efficacia
Redazione
Donne e asiatici meno protetti dalle mascherine
Foto CdT/Gabriele Putzu

La forma del viso ha un impatto sull’efficacia delle mascherine. Per questo, donne e asiatici sarebbero particolarmente esposti al rischio di contagio anche indossando una mascherina. È questa la conclusione di uno studio pubblicato sulla rivista medica Anaesthesia, che ha raccolto i risultati di esperimenti condotti sulla capacità filtrante delle mascherine utilizzate dal personale curante, come le FFP2 o le N95, queste ultime diffuse soprattutto nel mondo anglosassone. I realizzatori dello studio suggeriscono di verificare la tenuta delle mascherine sugli operatori sanitari prima del loro utilizzo, cosa impossibile all’inizio della pandemia per mancanza di tempo e di forniture mediche stesse.
Quello della tenuta delle mascherine è un tema importante, anche in Occidente, se si considera la prevalenza di donne fra i lavoratori del settore sanitario.

  • 1