Donald Trump punta alle elezioni del 2024
Il tycoon non ha annunciato formalmente la sua seconda candidatura, ma tutto lo lascia supporre
di Keystone-ATS
Donald Trump punta alle elezioni del 2024
Foto Shutterstock

«Trump ha vinto», grida ripetutamente una folla osannante di migliaia di persone. «Sì, ha vinto», risponde in terza persona l’ex presidente Donald Trump, rilanciando le accuse di brogli durante il suo comizio a Des Moines, Iowa, lo Stato che tradizionalmente lancia le primarie per la corsa alla Casa Bianca.

«I democratici ci stanno portando sul baratro ma ci riprenderemo l’America e la renderemo nuovamente grande», ha promesso Trump, rispolverando il suo slogan ‘Make America great again’.

Il tycoon non ha annunciato formalmente la sua seconda candidatura ma tutto lo lascia supporre: i toni del suo discorso, la crescente raccolta fondi, una base elettorale ancora fedele ed entusiasta, convinta che stia già correndo, i sondaggi a favore e un partito che si è riallineato dietro a lui.

Per ora i democratici e i grandi network americani lo ignorano ma presto potrebbero dover rifare i conti con l’ex presidente. «Se riesce a tornare alla presidenza nel 2024, la democrazia è finita perché accadrà sull’onda di una menzogna, una fiction», ha ammonito l’ex consigliera per la sicurezza nazionale Fiona Hill.

Le accuse del tycoon
Accolto con ovazioni, Trump ha ribadito - falsamente - di aver vinto in Arizona, Georgia e Pennsylvania e che i democratici hanno «rubato» le elezioni allargando il voto anticipato col pretesto della pandemia, anche se «c’è più gente che muore di Covid nel 2021 che nel 2020, nonostante ora ci sia il vaccino».

Non ha risparmiato né il dipartimento di Giustizia né la Corte suprema, che non hanno fatto niente «per paura». Ma lui, ha precisato, non ha «mai concesso la vittoria, a differenza di Hillary Clinton». Del resto, pochi giorni fa aveva detto che «la vera insurrezione» erano state le elezioni, non l’assalto al Capitol dei fan - assalto che gli si rimprovera di aver istigato - per impedire la certificazione della vittoria di Joe Biden. Una vicenda oggetto di un’inchiesta della Camera che lo sta mettendo sempre di più nel mirino e che il tycoon sta tentando di bloccare.

Nelle due ore di comizio Trump ha accusato il suo successore e i democratici a 360 gradi: dalla capitolazione a Kabul a favore dei talebani al pericolo dei rifugiati afghani, dall’emergenza immigrazione alla frontiera col Messico, all’intenzione di aumentare le tasse e approvare «la spesa più alta della storia americana» con i due piani da oltre 4’000 miliardi per le infrastrutture e il welfare.

Non era solo
Ma la vera novità della serata è stata la presenza al suo fianco dello stato maggiore del partito in Iowa, alla ricerca del suo endorsement per la riconferma nelle elezioni di Midterm del prossimo anno, come il potente senatore Chuck Grassley, che a 88 anni insegue il suo ottavo mandato, e il governatore Kim Reynolds. Insieme a loro c’erano anche i deputati Mariannette Miller-Meeks e Ashley Hinson, l’ex attorney general Matt Whitaker e il presidente del «Gran Old party» Jeff Kaufmann.

Trump aveva già tenuto comizi dopo aver lasciato la Casa Bianca ma finora nessun eletto repubblicano di tale livello era apparso con lui. Segno che le critiche e i distinguo di nove mesi fa dopo l’attacco al Congresso sono acqua passata. E che Trump mantiene il controllo del partito, permettendosi anche di fustigare il leader del Senato Mitch McConnell per l’accordo con i dem sul tetto del debito e per non aver avuto «il coraggio di sfidare l’esito delle elezioni».

  • 1