Biden attacca Trump: “Terribile piaga”
Il presidente ha indossato i panni di comedian-in-chief per la cena dei Corrispondenti della Casa Bianca
di Keystone-ATS/MMINO
Biden attacca Trump: “Terribile piaga”

Ironizza sulla sua età, attacca senza nominarlo Donald Trump, scherza su Fox e lancia frecciate ai repubblicani. Joe Biden indossa i panni di comedian-in-chief per la cena dei Corrispondenti della Casa Bianca senza dimenticare l’emergenza Ucraina. Ringrazia infatti i cronisti che sono nel Paese che, con il lavoro, “mostrano la devastazione e i crimini di guerra”.

Trump, “nemico del popolo”
“Il primo presidente che ha partecipato a questa cena è stato Calvin Coolidge nel 1924, io ero appena stato eletto al Senato” dice Biden dal palco scherzando sui suoi 79 anni. “Sono contento che il 42% di voi mi abbia applaudito”, aggiunge riferendosi al 42% di gradimento che ha nei sondaggi. “Sono contento di essere qui con l’unico gruppo di americani che ha un gradimento più basso di me”, sorride riferendosi ai giornalisti e ai media presenti, definiti per anni da Trump il “nemico del popolo”. E proprio al suo predecessore lancia, senza nominarlo, una frecciata: “sono il primo presidente che partecipa negli ultimi sei anni. Abbiamo avuto una terribile piaga seguita da due anni di Covid”, osserva riferendosi ai quattro anni di Trump. L’ultimo presidente a intervenire alla cena era stato Barack Obama. Da Trump passa poi a Fox, la rete preferita dal tycoon, e ai repubblicani, il partito dell’ex presidente. “Se siete a casa e vi state chiedendo come e perché vaccinarsi, rivolgetevi al vostro giornalista di Fox preferito. Sono tutti vaccinati e hanno anche la terza dose”, dice fra le risa riferendosi allo scetticismo del network conservatore sulla pandemia e sui vaccini.

Battute pungenti
Poi parlando ai reporter di Fox presenti in sala dice: “Mi dispiace che il vostro candidato preferito abbia perso le elezioni. Per farmi perdonare posso darvi il capo dello staff per dire a Sean Hannity di cosa parlare ogni giorno”. Una battuta pungente con la quale Biden ha puntato il dito sull’ultimo scandalo dei messaggini scambiati prima e durante l’assalto al Congresso del 6 gennaio fra Hannity, uno dei volti più popolari di Fox, con Mark Meadows, il capo dello staff di Trump. Dopo Fox sono i repubblicani a finire nel mirino di Biden. “Reagan disse a Gorbaciov, butta giù il muro. Oggi i repubblicani dicono: buttate giù la casa di Topolino, e presto attaccheranno il castello di Cenerentola”, scherza Biden parlando indirettamente della disputa in Florida fra il governatore repubblicano aspirante alla Casa Bianca Ron DeSantis e Walt Disney sulla controversa legge ‘don’t say gay’, che impedisce di parlare di orientamento sessuale e di genere nelle scuole. Ai repubblicani, aggiunge, piace parlare di “Brandon che sta avendo un buon anno, sono contento”. Brandon è la frase in codice popolare fra i sostenitori dell’ex presidente che sta per ‘Fuck Joe Biden. Nell’ironia della serata Biden, comunque, non dimentica la “devastante pandemia”. “Dobbiamo restare vigili”, dice a una sala con oltre 2.500 persone, quasi tutte senza mascherina. “La democrazia americana non è un reality show. Una stampa libera non è il nemico del popolo, è il guardiano della libertà”, aggiunge prima di congedarsi e lasciare la parole al comico Trevor Noah. “Ora puoi assalire il presidente - dice ridendo - e considerato che non sei a Mosca non finirai in carcere”.

  • 1