Estero
Attacchi nella notte a Mykolaiv
IMmagine Shutterstock
IMmagine Shutterstock
12 giorni fa
Per ora viene segnalato un decesso. I bombardamenti hanno danneggiato diverse infrastrutture

I russi hanno bombardato per due volte nella notte la città di Mykolaiv. Secondo i dati preliminari, una persona è rimasta uccisa e due persone sono rimaste ferite. Lo scrive su Telegram Vitaliy Kim, capo dell'amministrazione militare regionale, come riportano i media ucraini.

Bombardate diverse infrastrutture
Durante il bombardamento sarebbe morto il proprietario della più grande compagnia di commercio di grano 'Nibulon'. “A seguito dei bombardamenti, diverse infrastrutture sono stati danneggiate. In particolare, un hotel, un complesso sportivo, due istituzioni educative e una stazione di servizio. Anche gli edifici residenziali sono stati danneggiati”, afferma il governatore.

“Non abbiamo attaccato noi la flotta russa in Crimea”
L'Ucraina inoltre nega inoltre di aver attaccato la flotta russa in Crimea. Lo afferma il portavoce della regione di Odessa. Stamattina un drone armato ha attaccato la sede dello Stato maggiore della Flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli, in Crimea, ferendo sei persone, come ha denunciato il governatore della penisola ucraina annessa da Mosca nel 2014, Mikhail Razvoziaiev.

Il raccolto di grano potrebbe essere due volte inferiore
Nel frattempo, a tenere banco è sempre la questione del grano. “Il raccolto ucraino quest’anno rischia di essere due volte inferiore. Il nostro obiettivo principale è prevenire la crisi alimentare globale causata dall’invasione russa”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Twitter, mentre si aspetta il via libera alla partenza delle navi, cariche di cereali, dai porti ucraini sul Mar Nero.

“La Russia proteggerà i confini marittimi con ogni mezzo”
La Russia, dal canto suo, garantirà con fermezza la protezione dei suoi confini marittimi con tutti i mezzi. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin alla parata della Marina Militare a San Pietroburgo. Durante le celebrazioni, Putin ha firmato il nuovo regolamento della Marina russa che, ha detto il presidente russo, “delinea i confini e le aree degli interessi nazionali della Russia. Abbiamo designato apertamente i confini e le aree degli interessi nazionali vitali della Russia, sia economici sia strategici. Prima di tutto, queste sono le nostre acque artiche, le acque dei Mar Nero, Mare di Okhotsk e Mare di Bering, il Baltico e gli stretti delle isole Curili. Provvederemo fermamente alla loro protezione con tutti i mezzi”. Come ha sottolineato il leader russo, “le capacità della Marina sono una parola chiave”. Essa è in grado di contrastare rapidamente tutti coloro che si azzardano a invadere la nostra sovranità e la nostra libertà e svolge con successo e onore compiti strategici alle frontiere del nostro Paese e in qualsiasi parte dell’Oceano mondiale”, ha dichiarato Putin.

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata