Economia
Ubs, multa da 925'000 dollari negli Usa
Immagine © CdT/Gabriele Putzu
Immagine © CdT/Gabriele Putzu
15 giorni fa
L’istituto bancario non avrebbe adottato misure per impedire il furto di identità dei clienti. Sanzionate anche JPMorgan e TradeStation

Ubs, JPMorgan e TradeStation sono state sanzionate dall'autorità statunitense di vigilanza della borsa per non aver adottato misure per impedire il furto di identità dei clienti. Le società hanno violato il regolamento in vigore. Tra il gennaio 2017 e l'ottobre 2019, i programmi di prevenzione in questo ambito delle aziende non hanno rispettato le linee guida e le procedure per l'identificazione di un furto, ha precisato ieri sera la Securities and Exchange Commission (Sec). L'autorità ha inoltre riscontrato che i programmi in questione non includevano linee guida e procedure adeguate per rispondere in modo appropriato a un furto di identità o per garantire che i programmi fossero regolarmente aggiornati.

Accettate la multe
Per quanto riguarda Ubs, la Sec ha anche riscontrato che la banca non ha monitorato regolarmente i nuovi conti dei clienti e non ha valutato se dovesse essere attuato il suo programma di prevenzione del furto di identità. Inoltre, la Sec non è stata sufficientemente coinvolta nel monitoraggio, nello sviluppo, nell'attuazione e nella gestione del programma. Infine, i dipendenti non sono stati formati all'uso del programma. Senza riconoscere o contestare le conclusioni della Sec, le tre società hanno accettato di non violare i requisiti in futuro e di pagare una multa di 925'000 dollari (887'500 franchi) nel caso di Ubs, 1,2 milioni di dollari nel caso di JPMorgan e 425'000 dollari nel caso di TradeStation.

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata