Banca centrale di Zurigo: risultati in crescita
Per aiutare il cantone e i comuni zurighesi a uscire dalla crisi, ZKB propone un dividendo straordinario di 100 milioni di franchi
di Keystone-ATS
Banca centrale di Zurigo: risultati in crescita

La Banca Cantonale di Zurigo (ZKB) ha superato i primi mesi della pandemia senza troppe difficoltà, mostrando una crescita del fatturato, dei volumi e dell’utile netto per l’esercizio 2020. Per aiutare il cantone e i comuni zurighesi a uscire dalla crisi, ZKB propone un dividendo straordinario di 100 milioni di franchi.

Le entrate della ZKB sono aumentate del 4,1% a 2,51 miliardi di franchi, ha riferito oggi la banca, uno dei cinque istituti sistemici della Svizzera. La principale fonte sono stati i ricavi da interessi, che hanno ristagnato (+0,2%) a 1,22 miliardi di franchi. I ricavi per provvigioni e servizi sono aumentati del 3,8% a 806 milioni di franchi e le attività da trading sono cresciute del 44% a 459 milioni. I costi più elevati per il personale, nell’anno del giubileo, hanno pesato sui costi di gestione aumentati del 9,5% a 1,58 miliardi di franchi. Il rapporto cost/income è peggiorato di 0,2 punti percentuali al 60,1%. Per ogni franco guadagnato, la ZKB ha quindi speso 60,1 centesimi per coprire le spese. Il risultato operativo è sceso del 5,3% a 805 milioni.

L’utile netto è aumentato del 2,4% a 865 milioni. Il Consiglio di amministrazione propone il pagamento di un dividendo ordinario di 365 milioni di franchi, a cui aggiunge un importo di 100 milioni di franchi per aiutare le autorità nei loro sforzi per combattere gli effetti del Covid-19. Nell’anno in rassegna, la banca ha trattato 7’800 domande di imprese in difficoltà a causa della crisi sanitaria e ha concesso 1,04 miliardi di franchi in prestiti Covid-19 a tasso zero garantiti dalla Confederazione. Dall’inizio del 2021, sono stati messi a disposizione delle PMI prestiti per un totale di 300 milioni di franchi.

I prestiti ipotecari sono aumentati del 4,0% a 87,68 miliardi di franchi, mentre i depositi dei clienti sono aumentati dell’8,8% a 92,61 miliardi di franchi. Il totale di bilancio è aumentato del 12,8% a 188,36 miliardi di franchi. I patrimoni in gestione sono saliti del 9% a 362 miliardi, grazie soprattutto agli afflussi di nuovi capitali pari a 22,1 miliardi. Per il 2021, il direttore generale Martin Scholl, citato nel comunicato stampa, si aspetta di raggiungere ancora una volta un “risultato rispettabile”, ma non si azzarda ad avanzare in cifre.

  • 1