“Non mollerei del tutto il freno a mano”
“Quando sparirà Omicro, tornerà Delta? La domanda se l’è posta il Medico cantonale che invita a non cambiare completamente strategia. “In terapia intensiva il 90% è non vaccinato”
di Teleticino/MMINO
“Non mollerei del tutto il freno a mano”

Questa mattina il Medico cantonale ha presentato in conferenza stampa la situazione epidemiologica nel nostro Cantone appellandosi nuovamente alla responsabilità individuale delle persone a testarsi in presenza di sintomi e a restare in isolamento qualora si risultasse positivi al tampone. Le autorità, lo ricordiamo, anche per questo fine settimana hanno aumentato le capacità di test per stare al passo con l’andamento del Covid-19. Giorgio Merlani invita anche alla prudenza soprattutto sul tema dell’endemia e ha ribadito che Omicron non è affatto un’influenza.

Strategia adattata
Il Consiglio federale – lo ribadiamo ancora – ha deciso una strategia in cui viene accettata la circolazione sostanziale del virus e in cui si osserva l’impatto sugli ospedali. “Ogni andamento della pandemia ha avuto una strategia adattata”, sostiene Merlani. Al dubbio di gran parte della popolazione sulla necessità di testare così tante persone il medico cantonale ha sottolineato come sia in realtà “necessario per capire quello che gli ospedali dovranno subire”.

“Non mollerei il freno a mano”
Attualmente abbiamo una sostanziale stabilità nel numero dei casi e un certo aumento – seppur lento – di pazienti negli ospedali e per questo Merlani invita a “non mollare completamente il freno a mano”. In ospedale ci sono persone essenzialmente anziane e sostanzialmente non vaccinate, in terapia intensiva – ha sottolineato – “si parla del 90% dei non vaccinati”.

“Tornerà Delta?”
Rimane da capire, però, se la variante Delta è ancora presente sul territorio. A tal proposito Merlani ha dettagliatamente spiegato come virus uguali hanno la tendenza a “cannibalizzarsi, per cui un virus spinge via l’altro ed è per questo non possono infettare contemporaneamente la stessa persona”. La domanda da fare però – conclude il medico cantonale – è “ ‘quando sparirà Omicron, potrebbe tornare Delta o comparire un nuovo ceppo?’ Non lo sappiamo ancora”.

Loading the player...
  • 1