Il prezzo dei tamponi va giù
Nonostante alcuni lavoratori del settore si attendessero tamponi a 75 franchi, il primo giorno dei test a pagamento vede cifre intorno ai 30 franchi
di Teleticino/daco
Il prezzo dei tamponi va giù

“Vediamo prezzi che al momento possono variare fra i 25, i 29 e i 35 franchi”. Carlo Vassella, della Farmacia Chiassese Farmadomo, spiega a Ticinonews che il costo dei tamponi, da oggi a carico di chi li effettua, è oggi più basso di quanto la Confederazione pagasse fino a ieri. E questo nonostante solo poche settimane fa alcuni esponenti del settore prevedessero un’esplosione del prezzo dei tamponi, che avrebbe potuto raggiungere i 75 franchi. Le farmacie ora si chiedono “cosa resti: a fronte del costo del tampone e di una quindicina di franchi di spese, il guadagno per la farmacia è inesistente”. Inoltre, la fine della presa a carico pubblica del costo dei tamponi ha, secondo Vassella, coinciso sin da oggi con un netto calo della domanda di test.

Tampone più interessante del vaccino?
Le cifre citate da Vassella sono dunque ben al di sotto dei 47 franchi finora rimborsati dalla collettività. È quindi possibile che la corsa al ribasso dei prezzi disincentivi le persone ad andare a vaccinarsi? “Se il costo del test rapido continua ad abbassarsi, diventa sempre più interessante per chi non è vaccinato fare un test ogni due o tre giorni” per avere un certificato Covid. “Se dovessimo arrivare a pagare una decina di franchi ogni due giorni per un aperitivo, il sacrificio rappresentato dal test sarebbe fattibile. Se continuasse a costare 47 franchi, il vaccino sarebbe molto più appetibile”, commenta Vassella, che conclude: “Noi farmacisti non siamo abituati a lavorare nel libero mercato. Solitamente i prezzi ci vengono forniti dalle casse malati”.

Loading the player...
  • 1