La partita
Il Lugano rialza la testa contro lo Zurigo
©Gabriele Putzu
19 giorni fa
Il Lugano sconfigge 2-1 lo Zurigo tra le mura di casa. I bianconeri tornano a sorridere, mentre i Lions sono sempre più in crisi.

Lugano - Zurigo 2-1 (1-0, 1-1, 0-0) : 03'28 Arcobello (L), 33'03 Ma. Müller (L), 37'16 Lammikko (Z)

Primo tempo

Alla prima vera occasione del match il Lugano sblocca il risultato con Connolly che recupera un disco nel terzo offensivo e serve Arcobello nello slot. Il capitano non può fare altro che spingere il puck in porta per l'1-0. Lo Zurigo prova a reagire, ma la difesa bianconera fa buona guardia e respinge le sortite dei Lions. Al 9' gli uomini di Gianinazzi si ritrovano in una situazione sfavorevole di 5vs3 per un minuto, ma Schlegel risponde presente. Al 13' il Lugano ha la possibilità di giostrare sul ghiaccio in 5vs3 per due minuti, ma lo special team bianconero spreca la ghiotta occasione. Appena scaduta la doppia superiorità numerica lo Zurigo si presenta dalle parti di Schlegel con Wallmark che da pochi passi conclude sul fondo. Arriva la sirena che pone la fine di un primo tempo frizzantino in cui domina l'equilibrio tra le due compagini ed il Lugano va alla pausa in vantaggio 1-0.

Secondo tempo

Lo Zurigo aumenta il volume delle azioni offensive con lo scopo di rimettere sui giusti binari la partita alla Cornèr Arena. Al 9' del periodo centrale il Lugano ha la possibilità di giocare con l'uomo in più sul ghiaccio, ma la speranza del gol del raddoppio sfuma. Al 13' i bianconeri concretizzano il forcing grazie ad un tap-in di Marco Müller scaturito da una conclusione di Alatalo: 2-0. Il Lugano dare uno scossone decisivo al match e aumenta il pressing verso la difesa dei Lions. Al 17' lo Zurigo accorcia le distanze con Lammikko che appoggia in rete un rebound non trattenuto da Schlegel: 2-1. Si chiude il periodo centrale con una rete per parte. La distanza tra le due compagini, quindi, rimane invariata con il Lugano sempre sopra di una sola lunghezza. 

Terzo tempo

Lo Zurigo tenta di riagguantare il match, ma è il Lugano a rendersi più pericoloso con delle fiammate in contropiede. AL 6' Zanetti si ritrova a tu per tu con Hrubec, ma è il portiere dello Zurigo ad avere la meglio allungandosi con il gambale. Il tempo scorre e questo non può fare che bene ai bianconeri che si ritrovano sempre avanti di una sola lunghezza. Ultimi assalti al 19' dei Lions in superiorità numerica, ma la retroguardia bianconera respinge al mittente il forcing zurighese. Arriva la sirena che pone fine alla partita e il Lugano torna a vincere contro uno Zurigo sempre più in crisi. 

I tag di questo articolo