Milano
Il trapper Shiva è stato condannato a 6 anni e mezzo
© Wikipedia
© Wikipedia
Keystone-ats
10 giorni fa
Lo hanno deciso i giudici dell'ottava sezione penale del Tribunale di Milano al termine del processo con rito abbreviato in merito alla sparatoria avvenuta a luglio 2023.

Il trapper Shiva, all'anagrafe Andrea Arrigoni, è stato condannato oggi a 6 anni e mezzo per la sparatoria dell'11 luglio 2023, davanti al suo studio di registrazione a Settimo Milanese, nella quale erano rimasti feriti due rivali della crew del rapper Rondo Da Sosa. Lo hanno deciso i giudici dell'ottava sezione penale del Tribunale di Milano al termine del processo con rito abbreviato.

L'accusa

A Shiva è stata riconosciuta l'attenuante del risarcimento del danno alle presunte vittime, mentre sono state escluse quella della provocazione e le generiche. I difensori Daniele Barelli e Marco Campora, che avevano chiesto l'assoluzione, sostenendo che l'artista "non avrebbe fatto altro che difendersi" dalle aggressioni dei rivali, hanno già annunciato che presenteranno ricorso. "Rispettiamo, come sempre, la sentenza - ha detto Barelli -, ma siamo convinti di tutto quello che abbiamo sostenuto fin dall'inizio e ci aspettiamo risposte". Shiva è accusato di tentato omicidio, porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione della pistola, mai trovata. "Abbiamo sempre sostenuto che non sussiste affatto il delitto di tentato omicidio - ha aggiunto il legale Campora -, abbiamo dimostrato con una consulenza balistica che tutti i colpi sono stati sparati verso il basso. Impugneremo, consapevoli che giudici di grado superiore potranno avere una visione diversa e derubricare il reato". Il pubblico ministero Daniela Bartolucci, che ha coordinato le indagini, aveva chiesto la condanna a 7 anni. Arrestato lo scorso ottobre, il trapper si trova agli arresti domiciliari dopo essere stato scarcerato a fine febbraio. I suoi avvocati hanno anche fatto sapere che presenteranno un'istanza di revoca della misura cautelare.