Circolazione
Strada più libera per la terza corsia
© CdT/Gabriele Putzu
© CdT/Gabriele Putzu
17 giorni fa
Il graconsigliere Ivo Durisch ha deciso ieri di ritirare la mozione che chiedeva al Governo ticinese di fare pressione a Berna per congelare la creazione delle tre corsie tra Lugano Sud e Mendrisio.

Il tema del potenziamento dell’autostrada tra Lugano Sud e Mendrisio, il progetto PoLuMe, ha animato ieri il dibattito in Gran Consiglio. I deputati, non si sono tuttavia pronunciati sulla mozione di Ivo Durisch “La soluzione alle colonne non è una terza corsia tra Lugano e Chiasso”, ritirata dallo stesso granconsigliere socialista. Una mozione che, ricordiamo, chiedeva al Governo ticinese di operare pressioni a Berna per “congelare” il progetto.

Voci favorevoli

Nel corso del dibattito, vari deputati di diversi partiti (Centro, Lega e Udc), hanno sottolineato come l’opera sia di vitale importanza per dare sollievo a una regione, il Mendrisiotto, sempre più confrontata con problematiche legate al traffico.

Un progetto che fa discutere

Non più tardi di due mesi fa, circa 700 persone hanno preso parte a una manifestazione organizzata per ribadire nuovamente il dissenso al progetto di Ustra che prevede l’aggiunta di una terza corsia tra Lugano e Mendrisio. Arrivati da Capolago e dalla stazione di Maroggia Melano, i manifestanti sono poi confluiti a Melano, dove si sono tenuti i discorsi a sfavore del progetto di potenziamento.

L'opera

Il progetto, del valore di 1,8 miliardi di franchi, prevede, a corredo, la realizzazione di alcune grandi opere: le principali sono l’adeguamento delle gallerie del San Salvatore e della Collina d’Oro, con la realizzazione della corsia d’emergenza dinamica e di una terza canna, due semisvincoli a Grancia e a Melano e la circonvallazione autostradale in galleria dell’abitato di Bissone.

 

I tag di questo articolo