Giustizia
Rapinavano distributori ticinesi, arrestati in Italia
© Shutterstock
© Shutterstock
17 giorni fa
Due membri di una banda di rapinatori che agiva tra il Ticino e l'Italia sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri di Como e Cantù. Quattro membri erano già stati arrestati in Ticino nel dicembre 2021.

Due uomini che fanno parte di una banda di rapinatori attiva tra la Svizzera, il Comasco e la Brianza sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri di Como e di Cantù con le accuse, a vario titolo, di rapina aggravata dall'uso delle armi, ricettazione, porto illegale di armi, incendio e furto in abitazione. L'ordinanza è stata emessa dal gip del Tribunale di Como. Della banda farebbero parte altri 8 malviventi, quattro dei quali sono già stati arrestati negli scorsi mesi in Ticino. 

L'indagine partita nell'ottobre 2021

L’indagine sfociata nell’operazione di oggi è iniziata nell'ottobre 2021 dopo alcune rapine messe a segno ai danni di distributori di benzina ticinesi. Le indagini hanno permesso di scoprire la presenza di un gruppo criminale italiano tra le province di Como, Varese, Monza-Brianza e Milano, dedito a furti e rapine a mano armata tra l'Italia e la Svizzera.

Quattro membri della banda già arrestati in Ticino

Quattro presunti membri della banda erano già stati arrestati nel dicembre 2021 in Ticino prima che portassero a termine una rapina a Molinazzo di Monteggio. Il quartetto si trovava a bordo di una vettura rubata con targhe italiane, che era stata intercettata in un parcheggio. Uno dei membri della banda era già ricercato per la rapina ai danni di un portavalori avvenuta il 5 luglio 2019 sempre a Molinazzo di Monteggio.

Gli autori della rapina dello scorso gennaio

Alla stessa organizzazione sarebbe attribuita un'altra rapina commessa in un'azienda di Grandate (Como) lo scorso 13 gennaio. I due arrestati avrebbero minacciato dirigenti e dipendenti, portando via orologi di valore (per oltre 60mila euro), contanti per circa 5mila euro e altri progetti preziosi.

Proficua collaborazione

L'indagine, spiega un comunicato il comando provinciale carabinieri di Como, "testimonia e rinsalda la proficua collaborazione pluriennale, esistente tra l'Arma dei Carabinieri comasca e la Polizia Cantonale del Canton Ticino".