Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Circa 300-400 persone si sono riunite a Mendrisio per protestare contro i salari al di sotto del minimo legale. Lo striscione con la scritta “vergogna” è stato esposto presso una delle tre ditte che hanno sottoscritto il CCL di TiSin e Ticino Manufactoring al termine dei discorsi
di Lars/LM
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping

Tra le 300 e 400 persone si sono riunite questa mattina presso il Mercato coperto di Mendrisio per dire no a salari al di sotto del minimo legale nell’ambito della manifestazione popolare “Poro Tisin”, indetta dai sindacati Ocst e Unia. Una protesta contro i sotterfugi orchestrati per aggirare il salario minimo, che entrerà in vigore il prossimo dicembre. A capeggiare in bella mostra nel centro della piazza uno striscione con la scritta “vergogna” che, al termine dei discorsi, è stato portato davanti alla Plastifil, una delle tre ditte del Mendrisiotto che hanno sottoscritto il CCL con l’organizzazione TiSin e Ticino Manufactoring.

Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping

A prendere la parola per primi in piazza sono stati Giorgio Fonio (Ocst) e Vicenzo Cicero (Unia), in prima linea nel denunciare pratiche irregolari e sottolineare come i lavoratori siano stati umiliati e offesi. “Certi imprenditori dovrebbero farsi un giro in Magistratura”, ha detto Fonio. “C’è chi ha provato a spostare l’attenzione sul fatto che questa è una lotta sindacale, non è vero: i veri sindacati oggi sono qui”, hanno ribadito i diversi sindacalisti (presenti anche Natalia Ferrara di Asib e Francoise Ghering del Sev) che si sono susseguiti sul palco. “Sono qui a dire no allo sfruttamento, sì a un’economia sana che non faccia differenza tra lavoratori residenti e frontalieri, che permetta a tutti di dare un futuro ai propri figli”.

A prendere la parola anche un dipendente della Cebi, altra azienda momò che ha sottoscritto il CCL di TiSin e Ticino Manufactoring. “Sono qua a testimoniare il licenziamento di una collega a 64 anni, dopo che avevano cercato di convincerla ad andarsene prima”.

Un’ulteriore manifestazione è stata annunciata per sabato 30 ottobre.

Poro Tisin, in piazza per dire no al dumping
Loading the player...
  • 1