Pensioni contestate, un altro non luogo a procedere
Riguardo alle segnalazioni di Matteo Pronzini su alcuni membri del Consiglio di Stato, per il procuratore generale Andrea Pagani non sussiste il reato d’abuso di autorità
di MJ
Pensioni contestate, un altro non luogo a procedere

Decisione di non luogo a procedere. Questa la conclusione del Procuratore generale Andrea Pagani “sulle segnalazioni del deputato al Gran Consiglio Matteo Pronzini per possibili elementi di rilevanza penale in relazione al riscatto di misure di previdenza da parte di alcuni membri del Consiglio di Stato”. Dopo aver esaminato la fattispecie per verificare l'eventuale sussistenza del reato di abuso di autorità (articolo 312 del Codice penale), infatti, il Procuratore generale Andrea Pagani ha emanato il 29 aprile 2021 un decreto di non luogo a procedere.

“In concreto”, si legge infine, “sulla scorta di un attento esame degli atti all'incarto, delle procedure e del materiale legislativo sviluppatisi negli anni, è stato stabilito che non risultano adempiuti gli elementi costitutivi del reato ipotizzato”. Non verranno rilasciate ulteriori informazioni.

  • 1